| categoria: politica

Padoan: “Manovra in regola con l’Ue”. Ma la Uil minaccia sciopero

Domani mattina la legge di stabilità arriverà al Quirinale. Lo assicua Pier Carlo Padoan che a In mezz’ora difende la sua manovra e sostiene di non temere bocciature: “I colleghi europei mi hanno detto che andiamo nella direzione giusta”, ha spiegato, “Il deficit-pil continua a scendere, l’obiettivo strutturale continua a migliorare. Per quanto riguarda le norme per il lavoro, poi, il ministro dell’Economia assicura che con le nuove misure potrebbero crearsi 800mila nuovi posti di lavoro. “Potremmo sbagliarci per difetto”, ribadisce a Lucia Annunziata ricordando che lo sgravio triennale sui contributi riguarderà tutti i nuovi contratti a tempo indeterminato fino a 1200 euro netti. Anche per quanto riguarda i fondi pensione Padoan non ha dubbio: l’adeguamento della tassazione è inferiore ad altre categorie, ma “si collega a una filosofia di adeguare il trattamento ai valori medi europei”.

Intanto la Uil è già sul piede di guerra. “I contratti collettivi di lavoro del pubblico impiego sono fermi al 2010. Ebbene, se lo Stato non rispetta gli accordi, anche noi ci sentiamo sciolti dal rispetto di quegli stessi accordi e, dunque, non terremo più conto dei limiti previsti per gli scioperi nel settore”, minaccia il segretario generale aggiunto, Carmelo Barbagallo.

“Il paese è bloccato da due decenni”, replica a distanza Padoan. “La responsabilità è di tutti, anche dei sindacati. Il paese va sbloccato. Abbiamo fatto sgravi fiscali, ora le imprese ne traggano le conseguenze investendo e creando occupazione”.

Ti potrebbero interessare anche:

Piazza Affari osserva Renzi ma resta cauta
Monti boccia Renzi, faccia meno slides. Ed è scontro in Scelta Civica
Telefonata Renzi-Berlusconi. Patto del Nazareno avanti tutta. Il Cavaliere tranquillizza i suoi
FOCUS/ Sulle riforme Renzi non tratta
Ucraina mette Berlusconi al bando dopo la visita in Crimea
M5s, Di Maio: 'Il ruolo del capo politico si ridiscute tra 4 anni'



wordpress stat