| categoria: Scienza

Neuroregulina, “sorvegliata speciale”: influisce Su schizofrenia, Parkinson, e abuso di droghe

La “neuroregulina”, sostanza presente nelle cellule dopaminergiche ha un ruolo importante nello sviluppo di malattie importanti come schizofrenia e Parkinson, di situazioni psico-fisiche che determinano un abuso di droghe. La scoperta, contenuta in uno studio pubblicato sulla rivista scientifica Molecular Psychiatry (al primo posto nel ranking internazionale per quanto riguarda gli argomenti di psichiatria ed al quinto per quelli di neuroscienze), è stata realizzata nei laboratori sperimentali della Fondazione Santa Lucia IRCCS ed è anche il frutto di collaborazione tra tre Università della Capitale, Tor Vergata, La Sapienza ed il Campus biomedico. I neuroni dopaminergici sono importanti perché regolano il movimento e la motivazione. Si pensa che una loro disfunzione sia collegata alla schizofrenia, al morbo di Parkinson ed all’abuso di droghe.

Ricercatori hanno individuato il meccanismo chiave per cui la neuroregulina, sostanza che studi di genomica avevano già collegato ai disturbi schizofrenici, regola la funzione delle cellule dopaminergiche. Le prove sperimentali ottenute in questo lavoro indicano come la neuroregulina modula, attraverso il glutammato, la funzione delle cellule dopaminergiche. Ciò apre importanti orizzonti di ricerca atti ad individuare le disfunzioni del segnale mediato dalla neuroregulina che si ritengono essere una causa importante nella determinazione della schizofrenia e della malattia di Parkinson. Da questo studio potranno perciò scaturire nuove prospettive per sviluppare farmaci più efficaci e sicuri per il trattamento della schizofrenia e del morbo di Parkinson, che mirano perciò a normalizzare il rilascio di dopamina nel cervello attraverso un meccanismo neuroregulina-dipendente.

Al fianco del Prof. Mercuri hanno lavorato presso i Laboratori Sperimentali dell’IRCCS Santa Lucia Ada Le donne, Annalisa Nobili, Emanuele Claudio La tagliata, Virve Cavallucci, Ezia Guatteo, Stefano Puglisi-Allegra, Marcello D’Amelio. E’ degno di nota il fatto che la dottoressa Le donne, sviluppando tematiche di ricerca sulla funzione della neuroregulina, ha ottenuto per il 2015 un prestigioso finanziamento per i giovani ricercatori della fondazione Americana (National Alliance for Research on Schizophrenia and Depression- NARSAD Brain & Behavior Research Foundation).

Ti potrebbero interessare anche:

Alzheimer, il cervello “compensa” i primi danni della malattia
Identificata una proteina nel sangue che potrebbe predire il rischio di Alzheimer
Scoperto l'interruttore della fame, quando le cellule nel cervello dicono 'stop'
Una capsula serbatoio di anticorpi anti Alzheimer
Nuova vita per il virus Zika, diventa un'arma anticancro
Ricercatori Junior alla Fondazione Santa Lucia



wordpress stat