| categoria: politica

Berlusconi asseconda Renzi, “Legge tedesca per unioni gay”

Il placet è su tutta la linea. Il patto regge e i colloqui – sulla legge elettorale 2.0 – ripartiranno a breve. “L’istituzione del dipartimento sulle libertà civili rappresenta una naturale continuità di quanto abbiamo fatto finora e si occuperà anche dei diritti delle coppie dello stesso sesso: siamo arrivati alla conclusione che la legge tedesca sulle unioni civili rappresenti un giusto compromesso tra il rispetto profondo dei valori cristiani, a cui teniamo molto, e della famiglia tradizionale. Ma chi ha responsabilità pubbliche non può non intervenire quando le esigenze della società cambiano”. Lo ha detto Silvio Berlusconi in conferenza stampa, affrontando una questione che in questi giorni ha tenuto banco e scatenato polemiche con i sindaci dopo che il ministro degli Interni, Angelino Alfano, ha diramato una circolare a tutte le prefetture affinché in Italia non vengano registrate le nozze omosessuali celebrate all’estero. Una posizione, quella di Forza Italia, che dà manforte al piano che il presidente del Consiglio sta mettendo a punto – nonostante, ribadisce, si tratti del terzo governo non eletto dai cittadini – ma che si scontra con le recenti dichiarazioni dello stesso Alfano numero uno di quel Nuovo centrodestra nato neanche un anno fa dalla scissione interna al Pdl.
E non ci sono soltanto le unioni civili nelle parole che Berlusconi spende per rimarcare il proprio appoggio al premier. Un sì convinto il Cav lo pronuncia anche a favore dello ius soli: “Era una nostra proposta – non manca di sottolineare – avevamo anche scritto un intervento. Siamo d’accordo e riteniamo che dare la cittadinanza a un figlio di stranieri sia doveroso quando questa persona ha fatto un ciclo scolastico e conosce la nostra storia”.

Prima di parlare in pubblico, però, Berlusconi ha incontrato i deputati di Forza Italia alla Camera e con loro ha tracciato alcuni ragionamenti sulle riforme e sui rapporti col governo. Il leader di Fi ritiene che non si andrà a votare prima del 2018 (quando “ci presenteremo per vincere”, torna a dire), e se il premier Matteo Renzi accelera e vuole subito la nuova legge elettorale è perché intende usarla come arma per tenere a bada i suoi.

Berlusconi, inoltre, avrebbe anche ribadito che Forza Italia farà opposizione al governo Renzi sulla politica economica e su quella estera, sottolineando però che sulle riforme gli azzurri sono aperti al dialogo, perché è già stato iniziato un percorso insieme. Ribadito, dunque, l’asse con i renziani sulle riforme: un asse che regge perché il patto del Nazareno va rispettato fino in fondo. Il rifondatore di Fi avrebbe rassicurato i presenti sul fatto che la legge elettorale non sarà modificata unilateralmente, ma si farà insieme, attraverso un confronto approfondito con Renzi.

Un’ulteriore risposta, dunque, all’ultimatum lanciato ieri dal premier, che dopo la frenata di Berlusconi dinanzi all’ipotesi di passare dal premio di coalizione al premio di lista (e cioè al singolo partito) aveva deciso di riattivare col M5s quel canale di comunicazione interrotto lo scorso giugno, dopo la riunione in streaming (video) tra Renzi e Luigi Di Maio.

Durante la conferenza stampa, tuttavia, Berlusconi riaffronta l’argomento, dimostrando, di fatto, un’apertura alle modifiche: “Stiamo lavorando con Renzi per trovare una legge che possa andare nella direzione del bipolarismo e possa far fare passi avanti per la governabilità dell’Italia. L’importante è che ci sia una legge che non favorisca il frazionamento del voto e dei partiti, cosa che ha fatto invece la legge sulla par condicio voluta dalla sinistra contro di me. Siamo assolutamente attenti ad arrivare alla possibilità di avere il bipolarismo e con la legge sul Senato abbiamo avviato il percorso per il monocameralismo”.

Un passaggio, poi, è dedicato alla Consulta. Dopo tre mesi di stallo e venti sedute andate a vuoto, sull’elezione dei due giudici costituzionali Berlusconi anticipa la ‘scelta’ di Fi: “Ho messo al lavoro i presidenti di tutti i comitati regionali – dichiara – e li ho invitati a raccogliere i dati di persone di genere femminile. Ci sono arrivati dodici curricula molto, molto interessanti. Tra questi ne abbiamo scelti tre che consegneremo questa sera ai capigruppo” che poi ne sceglieranno uno.

Ti potrebbero interessare anche:

Maurizio Gasparri (Fi) indagato per peculato
Farage pomo della discordia ma Grillo rilancia l'alleanza con l'Ukip
IL PUNTO/ Giorni decisivi, chi romperà il silenzio per primo?
FISCO/ Grillo, stop Equitalia, consegnata una cartella a un bambino di sette anni
Forze dell'ordine e servizi segreti: ecco chi sono i nuovi responsabili
Scelta civica, nasce gruppo unico con i Verdiniani



wordpress stat