| categoria: sanità Lazio

Perchè smantellare il reparto di oncologia di Frascati e spostarlo a Marino?

«In un momento di necessaria e improrogabile spending review diventa difficilissimo comprendere come mai si voglia smantellare il reparto di oncologia di Frascati per riposizionarlo all’interno dell’ospedale di Marino. Questa struttura non è attualmente predisposta a ospitare né questi pazienti né le strumentazioni, quindi si renderebbe necessario un esborso di fondi da parte della Regione per adeguare i locali. Se si dovesse procedere in questo senso, la Regione patirebbe un doppio danno: non solo le spese per i lavori nella struttura di Marino, ma anche le spese per smantellare il reparto a Frascati e riadattarlo ad altro reparto. È evidente che anche un bambino riterrebbe più sensato ed economicamente conveniente accorpare il polo oncologico dell’Asl RMH a Frascati, contenendo al massimo i costi. A questo punto è plausibile la richiesta di Renzi di combattere questi sprechi cui, dati alla mano, Zingaretti non riesce a contrastare. Per questa ragione è stata avanzata richiesta dell’immediata convocazione della commissione Sanità, alla presenza di Zingaretti, affinchè il Dg della Asl possa illustrarci il perché di questa scelta platealmente antieconomica. Soprattutto, qualora si dovesse ravvisare un danno erariale per le casse della Regione, sarò il primo a interessare della vicenda la Corte dei Conti, per fare chiarezza su questa storia e far caricare delle spese sostenute chi ha operato una simile scelta». È quanto dichiara, in una nota, il consigliere FI della Regione Lazio, Antonello Aurigemma.

Ti potrebbero interessare anche:

"Idi va venduto, ci sono già due offerte"
"Al De Lellis manca il personale", la denuncia di AssoTutela
Il San Camillo chiude le prenotazioni per le operazioni proctologiche?
Sanità, a Latina la quantità minore di risorse dalla Regione?
Coronavirus: all'Appio Latino isolata clinica in via Vulci. Ventidue i casi positivi
ASL Roma 6, apre Drive In a Pomezia



wordpress stat