| categoria: sanità

Disabili, 35 i centri specializzati in odontoiatria speciale

In tutta Italia sono 35 i centri pubblici di odontoiatria speciale, che si occupano di persone con disabilità psichiche e fisiche, la maggior parte dei quali concentrati in Lombardia, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia e Toscana. Pochi, se si considera che i pazienti disabili sono circa 2,7-3 milioni, tra cui sono sempre più numerosi i bambini, e i dentisti e operatori formati e preparati a seguirli circa 200. A farlo presente è Stefano Garatti, supervisore clinico del servizio di odontoiatria speciale dell’ospedale di Carate Brianza (Mb) e membro della Società italiana di odontostomatologia per l’handicap (Sioh). «Siamo pochi – evidenzia – e il nostro lavoro è abbastanza complesso e difficile. Anche se aumentiamo il personale non basta mai, perchè la domanda di trattamenti è sempre tanta». Tante le patologie con cui si trovano a far fronte: si va dalla sindrome di Down all’autismo, dal malato psichiatrico adulto, come il fobico o lo schizofrenico, alle persone con demenza. E ognuno necessita di un approccio su misura. Ad esempio «a Carate siamo specializzati nel trattamento di bambini Down e disturbi cromosomici – continua – Se trattati precocemente, appena nati, con appositi apparecchietti, si riesce a intervenire sulla loro ipotonia muscolare, fare igiene e prevenzione dentale. Abbiamo circa 1000 pazienti l’anno e quelli da 0 a 15 anni sono il 25-30%, prima erano meno». Ci sono poi i pazienti autistici, o quelli con disturbi dell’umore o fobie. «Qui è importante seguire il paziente fin da subito – precisa Garatti – in modo da creare con lui una routine. Se lo si vede spesso, si riesce a tenere sotto controllo la sua bocca ed evitare che si sviluppino patologie. In questo modo è possibile curarlo alla poltrona, con interventi di mezz’ora». Se si tratta di interventi più impegnativi e lunghi, come togliere denti del giudizio, e il paziente non si riesce assolutamente a calmare, bisogna ricorrere all’anestesia e alla sala operatoria, «ma questa è l’opzione finale, che si cerca di usare solo nei casi strettamente necessari».

Ti potrebbero interessare anche:

L'INTERVISTA/ Scelte con il bollino di garanzia, un portale aiuta a scegliere specialisti e struttu...
ASL TRAPANI/ Veterinario costretto a lavorare un minuto a settimana
Dossier di Codici, il caos della sanità è creato apposta dalla politica
Allarme pediatri, al Sud mortalità infantile del 30% più alta. Inaccettabile
Salute, cala l'aspettativa di vita
Con Consip risparmi su acquisti in sanità fino al 55%



wordpress stat