| categoria: sanità Lazio

Minturno, l’ex ospedale perde anche il treno della casa della salute? Torna lo spettro della chiusura

La situazione del punto di primo intervento di Minturno è ancora incerta. Anzi, c’è preoccupazione tra il personale ancora in servizio nell’ex ospedale di Via Degli Eroi, nel quale è attivo soltanto il Laboratorio Analisi. L’Asl di Latina deve ancora rendere note le proprie decisioni sulla sorte del vecchio nosocomio, notizie che potrebbero arrivare all’inizio di novembre. Torna infatti lo spettro della chiusura della struttura, o comunque ciò che già è stato paventato qualche mese fa, ovvero la riduzione delle ore di servizio, lasciando il punto di primo intervento attivo solo 12 ore al giorno, così come doveva avvenire questa estate. L’ex ospedale di Minturno vanta oltre 20mila prestazioni annue e serve un bacino di circa 40mila abitanti in una zona ad alta densità turistica. Quindi, un’eventuale chiusura anche notturna determinerebbe un notevole aggravio sul Dea di Formia che a causa delle carenze di personale infermieristico e medico, specie nel periodo estivo, non sarebbe di certo in grado di garantire i normali turni di pronto soccorso e di medicina d’urgenza. In forse è anche il futuro del progetto regionale della Casa della Salute, nel quale anche Minturno è rientrata insieme a Gaeta e Sezze per quanto riguarda la provincia di Latina. Un progetto che ha un costo di oltre due milioni di euro e che era interesse della Pisana di finanziare a stralci.

Torna alle notizie di

Minturno

Sharing
Twitter0
Facebook4
Google +0
Linkedin0
Email this article
Print this article

Ti potrebbero interessare anche:

Idi: smentite voci fallimento, vicino accordo con Siemens
Sbloccata la seconda tranche da 665 milioni per i pagamenti dei debiti sanitari
IL PUNTO/ La sanità di Zingaretti? Un copione recitato a memoria
Zingaretti, ancora tagli di nastri
Tempari, il Tar boccia il decreto della Regione Lazio.
ASL ROMA 6: OSPEDALE DEI CASTELLI, UN ANNO DI IMPEGNO E PASSIONE



wordpress stat