| categoria: In breve, sanità Lazio

ROMA/ Inaugurati i nuovi reparti della Santa Famiglia, un’eccellenza per far nascere i bambini

Questa mattina, 30 ottobre p.v. alle ore 11, con la partecipazione di S.Ecc. l’Arcivescovo Zygmunt Zimovski, Presidente del Pontificio Consiglio della Pastorale per gli Operatori Sanitari, che officerà una Santa Messa, verranno inaugurati, i piani di degenza e le nuove Sale Parto e Sale Operatorie site al II piano. Questa struttura fa parte della memoria storica della città di Roma nell’ambito della Ginecologia ed Ostetricia.
Fondata da SS Pio IX nel 1904 come sede delle Suore della S. Famiglia di Bordeaux, ha iniziato la sua attività nel 1909 come pensionato per anziani. Denominata poi “Casa della Speranza” ha svolto la sua missione inviando le consorelle a domicilio dei malati. Attiva dal 1940 come ambulatorio per i poveri, poi trasformata negli anni ’50 come struttura ricettiva con una particolare attenzione all’Ostetricia, dal 2009 diviene monospecialistica (Ginecologia ed Ostetricia), unico esempio nel panorama romano, con oltre 70 letti di degenza. Negli anni ha avuto un accordo di collaborazione con l’Ospedale Bambino Gesù, nell’ambito della Medicina Perinatale, è stata individuata dall’UNICEF, unico esempio romano, come “Ospedale Amico dei Bambini”.Dal 2013 ospita il polo assistenziale dell’Università Tor Vergata EVi sono importanti novità, tutte volte ad una migliore, più umana assitenza, indirizzata al benessere fisiologico e psicologico della coppia e del nato, nel pieno rispetto dei più avanzati livelli di sicurezza.
La possibilità di poter trascorrere tutto il tempo del travaglio nella stessa stanza ove poi si partorirà, in compagnia della persona scelta dalla paziente, la possibilità di partorire anche attraverso metodi alternativi alla posizione supina, la possibilità di partecipare alle prime operazioni sul neonato, la presenza di 4 posti di terapia intensiva per adulti, di 8 posti di subintensiva per neonati, un nido che possa essere, su scelta consapevole della mamma, un’alternativa al neonato in camera. Inoltre è stata creata una zona ad insonorizzazione per un periodo di riposo e controllo dopo il parto, prima del rientro nel reparto di degenza. Sono presenti tutti i servizi necessari ad un’adeguata attività ambulatoriale sempre finalizzata al benessere femminile con attrezzature ad elevata tecnologia, come ecografi pentadimensionali, utili ai fini di una diagnostica sempre più accurata e precoce.Inoltre viene anche iniziata un’attività concentrata verso studio della fertilità di coppia, utilizzando approcci naturali di ridotta invasività ed assenza di farmaci.

Ti potrebbero interessare anche:

PD ROMA/ Cosentino parla da leader: pronto a fare il punto di riferimento di una grande squadra
Nomacorc a gonfie vele, nel 2014 vendute 20 miliardi di chiusure e un premio
Al via nel Lazio una nuova rete per la terapia del dolore
Palermo, padre uccide figlio strangolandolo con una corda
Bruxelles, allerta terrorismo: aggredisce 2 soldati col machete,bloccato
TURISMO: 'SALVACAPRÌ, OPERATORI SOLLECITANO PIÙ QUALITÀ



wordpress stat