| categoria: sanità

Medicina, annullate le prove per la specializzazione. Per 11mila candidati tuto da rifare

Un ‘pacchettò di quiz distribuito per errore al posto di un altro, e oltre 11 mila candidati all’ingresso alle Scuole di specializzazione in Medicina per l’Area Medica e i Servizi clinici si ritrovano a dover ripetere le prove scritte, spese e stress compresi. Causa della doccia fredda, uno sbaglio subito ammesso dal Cineca, il Consorzio interuniversitario incaricato di somministrare i test, e immediatamente reso noto agli interessati dal Miur, che ha parlato di una «grave anomalia», ma che ha già scatenato malumori e polemiche. Il Codacons ha fatto sapere che avvierà una causa collettiva di risarcimento danni contro entrambi. «Il ministro Giannini risolva immediatamente la questione oppure ne tragga le dirette conseguenze» afferma Giorgia Meloni, presidente di Fdi ed ex ministro. Comunque, il 7 novembre, gli interessati saranno chiamati a tornare sui banchi. Le prove scritte del primo concorso nazionale per l’ingresso alle scuole di specializzazione in Medicina si erano svolte nei giorni scorsi, tra il 28 e il 31 ottobre. Alla selezione erano iscritti 12.168 candidati distribuiti in 117 sedi, per varie aree. Le verifiche sullo svolgimento dei test cominciano subito dopo, ieri sera, e non ci vuole molto ai funzionari del Miur per rilevare «una grave anomalia» nella somministrazione delle prove scritte del 29 e 31 ottobre per le scuole dell’Area Medica e quelle dell’Area dei Servizi Clinici. Il Miur chiede subito un approfondimento al Cineca, che, tramite una lettera ufficiale inviata al Ministero ieri sera «alle ore 20.52» – precisa il Miur in una nota – ha ammesso «un errore nella fase di codifica delle domande durante la fase di importazione» di queste ultime nel data-base utilizzato per la generazione dei quiz. A causa di questo errore, spiega il Ministero, sono stati scambiati i quesiti delle prove del 29 ottobre con quelli del 31 ottobre, in particolare le 30 domande comuni a ciascuna delle due Aree, Medica e dei Servizi Clinici. Trenta domande le cui risposte sono state annullate, e che saranno riproposte il 7 novembre dagli 8.319 candidati che hanno sostenuto le prove di tutte e due le Aree, dai 2.125 che hanno affrontato esclusivamente l’Area Medica e dai 798 che hanno svolto la prova solo per i Servizi Clinici. In tutto, 11.242 persone. Nessuna anomalia invece nei 10 quesiti specifici per ciascuna tipologia di Scuola, così come non si registrano problemi nelle prove del 28 ottobre (quella con i 70 quiz comuni a tutti i candidati) e del 30 ottobre (quella dell’Area Chirurgica). Il Codacons ha già annunciato una causa collettiva di risarcimento danni. «È un vero e proprio scandalo – afferma il presidente Carlo Rienzi – ora tutti i candidati che hanno sostenuto i test saranno costretti a ripeterli, subendo un danno morale e materiale immenso». Per questo ha deciso di citare in giudizio «il Cineca per l’errore materiale commesso e il Ministero dell’Istruzione per i mancati controlli che hanno concorso a determinare la cancellazione delle prove». «Il governo risolva i danni causati aumentando il numero di borse» propone da parte sua l’Unione degli Universitari, che sottolinea «l’ennesimo errore del Cineca ai danni delle migliaia di studentesse e studenti che si sono presentati al concorso». Ripetere la prova «andrà a falsarne l’intera veridicità» afferma l’associazione. «Il Miur – conclude – dovrà prendersi le proprie responsabilità».

Ti potrebbero interessare anche:

Nel 2012 spesi cento milioni per errori commessi nel 2012
Stamina, protocolli diversi al Ministero e all'ospedale di Brescia?
Gallarate, truffa milionaria sugli appalti nella Sanità: denunciati funzionari e manager
Intesa Agenas-Ipasvi per la formazione degli infermieri
Fascicolo sanitario elettronico: E. Romagna e Lombardia al 100%, Calabria e Campania a zero
UNICEF,110MILA CASI MORBILLO IN PRIMI MESI 2019, +300%



wordpress stat