| categoria: sport

La Lazio cala il poker, ma che fatica piegare il Cagliari

Il capitano della Lazio Mauri

Sembrava tutto facile per la Lazio, che va al riposo avanti di tre gol (a zero), ma rischia di farsi rimontare dal Cagliari, prima di calare il poker del 4-2 finale. Emozioni e gol all’Olimpico, fra due squadre che decidono di affrontarsi senza appigli tattici – com’è nella natura dei loro allenatori, Pioli e Zeman – ma con il solo obiettivo di ottenere il massimo. La Lazio aveva nel mirino il terzo posto detenuto dalla Sampdoria, il Cagliari la necessità di tirarsi fuori dalla zona più tormentata della classifica. Va detto che i sardi hanno giocato con la disinvoltura di una grande e hanno avuto il merito di mandare in campo dall’inizio nove italiani. La Lazio può tirare un sospiro di sollievo, per lo scampato pericolo, e sorride per i sei risultati utili consecutivi (cinque vittorie ed un pari, a Verona): i ‘cuginì della Roma distano solo tre punti, la zona Champions non è più un bel sogno, da stasera è anche meno proibito. Il Cagliari aveva dato l’impressione di essere rimasto in capo per soli 7′, il tempo intercorso fra il fischio d’inizio di Del Bello e l’1-0 di Mauri, tuttavia i rossoblù erano apparsi troppo arrendevoli per la loro natura di squadra abituata a non mollare mai. Ha fatto (quasi) tutto la Lazio, con il suo 4-3-3 speculare a quello degli avversari, in grado di garantire determinati impulsi offensivi e di assicurare pericolosità alla manovra. La differenza, come sempre, la fanno gli uomini-gol e i biancocelesti possono permettersi il lusso di schierare un certo Klose che, quando vede la porta, diventa infallibile. Ma non solo: stasera ha indossato anche i panni di ispiratore della manovra, come sul primo gol. Il Cagliari soffre a destra le scorribande di Candreva e riparte con estrema difficoltà. Emblematico il gol del 3-0, con Lulic che ruba il pallone a un avversario e innesca Klose. La Lazio preso subito in mano il comando delle operazioni e al 5′ il duo Biglia-Candreva fa le prove generali del gol, Cragno si salva. L’1-0 è rimandato di 2′ e lo sigla Mauri, dopo che Klose avvia l’azione e la finalizza con la complicità di un tocco di testa di Lulic. Il Cagliari accusa il colpo e va in confusione, la Lazio – dopo che Sau si è fatto fermare in uscita da Marchetti – cerca di chiudere al più presto i conti e ci riesce fra il 25′ e il 26’, allorchè Klose firma la prima doppietta in campionato. Il tedesco sul 2-0 avvia l’azione, serve sulla destra Candreva che crossa dalla parte opposta per Lulic che, di testa, mette il pallone sui piedi di Klose, per un gol facile, facile. Passano 60« e Klose riceve ancora da Lulic, che ruba un pallone nella trequarti del Cagliari, e batte Cragno con la complicità della deviazione di un difensore. Cagliari al tappeto? Neanche a parlarne. I sardi rientrano in campo con il fuoco dentro e costringono la Lazio nella propria area, ma soprattutto l’impacciato Braafheid a deviare nella porta di Marchetti un pallone vagante a pochi dalla linea. I sardi potrebbero riaprire il match, dopo che Lulic fallisce il 4-1, ma Ibardo viene fermato da Marchetti in uscita e Crisetig calcia in curva sud. Lo stesso Ibarbo, prima di farsi espellere per un fallo di reazione su Lulic, fallisce l’impatto con il pallone a pochi passi dalla porta. Nel finale il Cagliari riapre tutto con un gol di Joao Pedro, che insacca da pochi passi su assist di testa del nuovo entrato Benedetti, ma ci pensa Ederson ad archiviare la pratica.

Ti potrebbero interessare anche:

TENNIS/ Wimbledon: Errani-Vinci, prima volta in finale
Vince il Sassuolo, sprofondo granata tra i fischi
Roma, il segreto é nell'attacco: a segno da 21 partite consecutive
Calcioscommesse: Antonio Conte assolto a Cremona, il fatto non sussiste
IL PUNTO SULLA SERIE A/ Roma frena, juve vola a +8, a Milano derby-show
La Roma rimanda la festa della Juve Bianconeri ko 3-1, giallorossi secondi



wordpress stat