| categoria: primo piano, Senza categoria

Carrara, il sindaco dà l’allarme: evacuate i piani terra

Piove di nuovo a Carrara. Nella cittadina toscana non c’è stato nemmeno il tempo di spalare il fango e fare la conta dei danni dell’esondazione del torrente Carrione. I cittadini, infatti, sono alle prese con una nuova allerta meteo di grado elevato, “criticità rossa”, viene definita dai bollettini.. La città è divisa fra le proteste contro il sindaco, accusato di non aver garantito la sicurezza dei cittadini, e i tavoli tecnici per affrontare un’altra eventuale tracimazione. Tante le scuole chiuse. Il sindaco di Carrara Angelo Zubbani ha firmato un’ordinanza per evacuare tutti i piani terra della ‘zona rossa’ di Marina di Carrara nei pressi del torrente Carrione. Le forze dell’ordine avvisano la popolazione di questa area, circa 2 km quadrati, di lasciare case, negozi, laboratori, fondi, uffici. L’ordinanza èstata firmata dal sindaco Zubbani al termine di una riunione della protezione civile. La stessa ordinanza prevede la chiusura al transito dei sottopassi tra viale XX settembre, l’argine destro, e il mare. La protezione civile ha già allestito 200 posti letto a Carrarafiere ma il piano prevede anche la disponibilità di posti in alcuni alberghi.

Il fiume Carrione nella notte si è gonfiato ma non è uscito dagli argini. Ha retto la tamponatura provvisoria realizzata con i massi delle cave del tratto di argine crollato ad Avenza. Si registrano comunque allagamenti un po’ ovunque, soprattutto a Marina di Carrara. Sono state pochi gli abitanti della zona che hanno accolto l’invito dell’ amministrazione ad una ‘evacuazione volontaria’ accettando di dormire nei padiglioni di Carrarafiere, dove ha la sua sede operativa l’ora Protezione civile e dove si trovano già alcune delle famiglie la cui casa è inagibile da mercoledì.
In Lunigiana i temporali hanno colpito soprattutto nella parte alta, causando pausa, disagi e qualche smottamento.
Ad Aulla il Comune ha blindato una parte di centro città, quello devastato dall’alluvione del 2011, ordinando la chiusura delle attività commerciali, artigianali e professionali collocate al piano terra degli edifici nella zona vicino l’argine del fiume Magra. In tutti i 17 comuni della provincia di Massa Carrara le scuole sono rimaste chiuse; a Carrara ed Aulla saranno chiuse anche domani mentre negli altri comuni si valuterà la situazione in giornata. Continua intanto a piovere anche se il picco massimo dell’acqua è previsto per le 12. I vigili del fuoco sono in allerta per il coordinamento delle operazioni e per intervenire in caso di emergenza.
FUCECCCHIO – Incendio e tre feriti a Fucecchio per un fulmine che si è abbattuto su un centro per ragazzi autistici. La scarica è stata tanto devastante da perforare il solaio del tetto, far esplodere l’impianto elettrico e innescare un principio d’incendio nella struttura.
Lo scoppio ha causato lievi ustioni a tre operatori dell’Asl dei 10 già presenti. Tutti comunque sono stati condotti all’ospedale di Empoli per accertamenti. Assenti i ragazzi autistici perché il centro apre alle 9.30 e il fulmine è caduto prima.

LIVORNO Due grossi pini sono caduti nella mattinata di oggi a causa delle forti piogge durante la notte, nella zona di Castelnuovo della Misericordia (Livorno). Non si registra nessun danno a persone o a cose. Un pino si è abbattuto su una strada sterrata vicinale a poca distanza da via Vecchia Livornese e l’altro in un campo adiacente. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco per liberare la strada.

MAREMMA Rottura improvvisa dell’acquedotto in località Salaiola di Arcidosso (Grosseto) per colpa probabilmente di un movimento franoso del terreno dovuto al maltempo di questi giorni. I tecnici sono già al lavoro per un intervento di riparazione urgente sulla tubazione DN 300 della dorsale Arbure. Per consentire i lavori, che dovrebbero concludersi salvo imprevisti intorno alle 22 di oggi è stato chiuso il nodo idraulico nel comune di Arcidosso, determinando la temporanea sospensione del flusso idrico ai serbatoi e alle utenze collegate direttamente a questa condotta nelle località Stribugliano, Abbandonato e zone limitrofe nel comune di Arcidosso, Monticello e zone limitrofe nel comune di Cinigiano, La Pigna e zone limitrofe nel comune di Roccalbegna, Chessa e zone limitrofe nel comune di Scansano, Granaione, Sticcianese, Arcille e zone limitrofe nel comune di Campagnatico e in località Istia d’Ombrone, Stacciole, Casalecci, San Martino, Roselle, Commendone, Piagge del Maiano, Montorsoli, Poggio Cavallo, Grancia, Ottava zona Grillese, Strada Provinciale dello Sbirro e zone limitrofe nel comune di Grosseto.

PISA La protezione civile comunale di Pisa ha distribuito 400 sacchi di sabbia alla popolazione per proteggere scantinati, abitazioni ed esercizi commerciali soprattutto della zona nord della città. Nel quartiere di Porta a Lucca e nelle zone limitrofe il livello dei fossi è piuttosto alto nonostante siano costantemente monitorati e siano in funzione

da ore le idrovore: quindi il Comune ha predisposto questa ulteriore misura precauzionale.
Dopo i temporali della notte e della mattinata, nel primo pomeriggio un altro violento acquazzone si è abbattuto sulla città facendo cadere 13 mm di pioggia in un’ora raggiungendo così un cumulato complessivo di 69 mm nel centro, dove le squadre dei vigili del fuoco sono intervenute a più riprese per risolvere piccoli allagamenti e altri disagi, e 87 mm sul litorale.

Ti potrebbero interessare anche:

POSTE/ Solo i bollettini C/c pagati negli uffici garantiscono la ricevuta liberatoria
Movida, risse, spaccio: i carabinieri chiudono il Palacavicchi
Obesità infantile, dormire di più aiuta i bambini a rimanere magri
E adesso Scajola è proprio nei guai: omicidio (di Biagi) per omissione
Nozze reali in Puglia, arrivano anche Kate e William
Terremoto nel Mugello, magnitudo 4.5



wordpress stat