| categoria: Senza categoria, Venezia

Venezia, stop ai trolley dei turisti. Troppo rumorosi

Stop ai trolley rumorosi, i turisti dovranno fare attenzione. Saranno ammesse da maggio 2015 solo le valigie con ruote di gomma gonfiate ad aria. Non vanno bene i trolley con ruote in gomma piena, che comunque fanno rumore, e vanno ancora meno bene quelle con le ruote in plastica. Insomma, a Venezia servirà il “Venice Trolley”, una valigia particolare, rispettosa della città e soprattutto delle orecchie dei suoi abitanti. Il Commissario straordinario del Comune, Vittorio Zappalorto è deciso ad approvare questa nuova norma entro la fine dell’anno e vuole farla diventare operativa a partire da maggio 2015 – prima, dunque, dell’insediamento della nuova Giunta e del Nuovo sindaco di Venezia.
Zappalorto, per far passare questa norma che “silenzia” le valigie, ha utilizzato l’escamotage di inserirla come norma anti inquinamento acustico nel nuovo regolamento edilizio del Comune di Venezia. Così come si impongono limiti di orario ai bar e alle case private, così come è vietato andare in auto o in bici o in moto per calli e campielli, allo stesso modo sarà vietato utilizzare bagagli che diano fastidio alla quiete dei cittadini. Del resto chi abita in centro storico nei paraggi di un albergo o di un bed and breakfast sa bene che a certe ore del giorno par di essere in mezzo ad un campo di battaglia con fa fucileria instancabile che massacra le orecchie ad ogni fessura tra “masegno” e “masegno”.Esentati dall’obbligo del trolley silenziato, ovviamente i veneziani, che potranno continuare a tenersi in soffitta – e ad utilizzare – il loro trolley preferito. Non esentati invece tutti gli operatori commerciali.
Da maggio in poi tutti i carretti di Venezia dovranno avere le ruote gonfiate ad aria. In primis i carretti dei portabagagli che avranno un surplus di lavoro dal momento che la stragrande maggioranza dei turisti arriverà a Venezia con il trolley sbagliato. E’ un modo, tra l’altro, per preservare gli scalini dei ponti di Venezia, fa sapere il Comune, eternamente alle prese con i disastri prodotti anche da carretti di ogni tipo e foggia che portano centinaia di chili su e giù per la città. E le sanzioni? Si parte da un minimo di 100 euro e si arriva a 500.

Ti potrebbero interessare anche:

Sull'asfalto una guerra quotidiana, ventimila incidenti gravi all'anno, due feriti ogni ora
Sciopero della metro a San Paolo, ingorgo record: 209 chilometri
Pensionato ucciso in strada a Portici, errore di persona?
La Ue promuove la stabilità, niente sanzioni per l'Italia
Scontro folle a Milano: ambulanza travolge auto dei carabinieri: 3 feriti
Il Campidoglio assume 26 assistenti sociali



wordpress stat