| categoria: sanità Lazio, Senza categoria

Rieti, per ridurre le liste di attesa la Asl prolunga le prestazioni fino alle 22

Come combattere l’odioso fenomeno delle liste di attesa? Semplice: prolungando l’orario delle prestazioni fino alle 22 e occupando fasce anche il sabato e la domenica. In più, allargando il ventaglio delle strutture dove effettuarle. E’ la ricetta servita dalla direzione aziendale dell’Asl. La manager Laura Figorilli non crede di rientrare in un batter di ciglia nei parametri di legge, ma prolungando l’orario delle prestazioni specialistiche e occupando per alcuni esami fasce orarie anche il sabato e la domenica, è convinta che la situazione dovrebbe migliorare. l’holter cardiaco si potrà effettuare anche il sabato dalle 9 alle 11 e la domenica dalle 9 alle 12. L’ecodoppler dei tronchi sovraortici (mercoledì e sabato) la risonanza magnetica (dal lunedì al sabato) e l’ ecografia muscolotendinee (dal lunedì al venerdì) dalle 20 alle 22. L’elettrocardiogramma da sforzo il mercoledì, giovedì, venerdì e sabato fino alle 21. Le ecografie internistiche anche il sabato dalle 8 alle 20. Attivato inoltre un call center che ricorda l’appuntamento ai pazienti prenotati per esami con lungo tempo di esecuzione per ridurre il fenomeno delle mancate disdette.

POLIAMBULATORI DISPONIBILI
Ricordata inoltre la possibilità di un’offerta sanitaria diversificata sul territorio, per contrastare il fenomeno della mobilità passiva. Un’offerta che, in verità, è stata sempre presente ma i reatini non hanno fin qui mai sfruttato appieno. Certo, se le alternative sono Magliano o Amarice, da Rieti è molto più semplice rivolgersi a Terni. «Ma nelle sedi poliambulatoriali – spiega la Figorilli – è possibile effettuare una visita cardiologica aspettando al massimo 18 giorni. E questo avviene nel distretto 5. A Magliano, poi, è possibile effettuare una Tac all’addome in meno di 20 giorni, mentre al Grifoni per una Tac al bacino si attendono al massimo 10 giorni».

AL DE LELLIS RESTA ALTO IL RISCHIO D’ATTESA
Ma per chi ha difficoltà a spostarsi da Rieti, l’incognita attesa resta alta. «Al de Lellis – risponde la Figorilli – è più difficile ottenere prestazioni in tempi rapidi, poiché le prestazioni di diagnostica strumentale sono assicurate prioritariamente ai pazienti ricoverati».

Ti potrebbero interessare anche:

Berlusconi: Monti al Quirinale, non se ne parla
Vendola resta Governatore, rinuncerà al seggio
Ue non fa sconti all'Italia sul deficit
Monti, deficit al 2,9% del Pil. Allarme Ue per l'Italia
I grillini all'attacco dell'Umberto I: quel manager è illegittimo
NAPOLI/ Controlli Nas in rosticcerie e ristoranti, sanzioni per 6mila euro



wordpress stat