| categoria: In breve, Senza categoria

BERGAMO/ Bimbo morto dopo la nascita, 20 indagati in due ospedali

Una ventina tra medici e infermieri degli ospedali di Calcinate e Papa Giovanni XXIII di Bergamo sono stati iscritti nel registro degli indagati per la morte di un bimbo nato prematuro a seguito di un incidente in cui era rimasta coinvolta la madre, curata con un antidolorifico. La donna era incinta alla 24/ma settimana e, dopo un lieve incidente, si era presentata all’ospedale di Calcinate, dove era stata dimessa dopo che le era stato somministrato un antidolorifico. Il giorno dopo era tornata in ospedale ed era nato il bimbo. Gravissimo, era stato portato al Papa Giovanni, dove era poi morto dopo 15 ore. I genitori – marocchini che vivono a Cologne (Brescia) – hanno sporto denuncia e la Procura di Bergamo ha aperto un fascicolo per omicidio colposo. Un atto dovuto in vista dell’autopsia, in programma oggi pomeriggio
L’iscrizione nel registro degli indagati da parte del pm Maria Cristina Rota è un atto dovuto che ha consentito alla ventina tra medici e infermieri di nominare i propri consulenti per partecipare all’autopsia. L’esame chiarirà le circostanze del decesso del bambino. Il bimbo era nato alle 8,40 del 7 novembre scorso all’ospedale di Calcinate. Il giorno prima la madre era rimasta coinvolta in un banale incidente, risolto con una constatazione amichevole. La mamma ha 29 anni e il papà 36: la donna ha anche un altro bambino, di 8 anni.

Ti potrebbero interessare anche:

Etna, una nube di cenere lavica alta diversi chilometri dal cratere sud-est
Scambio embrioni, la battaglia legale non finisce. Ricorsi
EBOLA/ Britannico in Sierra Leone risulta positivo al virus
Truffa coop con il social housing, Marino porta il dossier in Procura
EDITORIA/ Il britannico The Independent chiude il giornale di carta
Attentato a Barcellona: ecco i quattro ricercati. Uno del gruppo era stato in Italia



wordpress stat