| categoria: turismo

Natale, in Trentino aprono i mercatini. Colori e profumi

I colori e le luci del Natale sono di scena in Trentino con l’apertura dei mercatini, tra bancarelle della tradizione e del gusto. Oggi è stata la volta di Trento, che quest’anno raddoppia. Al tradizionale mercatino in piazza Fiera, con una settantina di casette in legno, ne aggiunge un secondo nella piccola piazza Cesare Battisti, nel cuore del centro storico, con una ventina di casette. E stavolta si va avanti oltre il periodo natalizio, fino al 6 gennaio. Una piccola folla ha assaltato le bancarelle già dalla mattina, sotto un cielo azzurro, aria fresca d’inizio inverno e lo sfondo delle cime innevate. Novità è anche l’iniziativa del Comune per i bambini in piazza Dante, davanti alla stazione ferroviaria, con ‘Trento, città del Natalè, che offre ai più piccoli la casetta di Babbo Natale, quella degli Elfi, un concorso per decorare l’albero di Natale, il tradizionale trenino. In tutto il centro storico concerti itineranti di gruppi vocali e bandistici e una rassegna dei cori di montagna, a palazzo Thun. Novità anche un «Punto croce rossa bimbi», con una casetta attrezzata con un fasciatoio e uno spazio riscaldato per l’allattamento dal venerdì pomeriggio alla domenica, messo a disposizione dal Comune nella più grande piazza Fiera. A Rovereto è partito invece con la sesta edizione, fino al 6 gennaio 2015, il Natale dei Popoli, per promuovere l’incontro tra culture diverse, in una città che ha fatto della Pace la sua bandiera a livello internazionale. Temi che tornano anche quest’anno in occasione del centenario della Prima guerra mondiale, con la presenza delle delegazioni di Polonia, Repubblica Ceca, Austria e Friuli Venezia Giulia, paesi allora coinvolti nel conflitto, le cui rappresentanze sono ospitate nella Piazza dei Popoli. Si parte oggi alla Campana dei Caduti con l’inaugurazione del Natale dei Popoli alla presenza delle delegazioni ufficiali, seguita dall’inaugurazione nel centro cittadino del Mercatino di Natale con la Banda dei Minatori della Polonia. Le casette del Mercatino sono aperte già dal mattino. Alla Pace, protagonista di questo Natale, sono dedicate anche le cento palle appese a decorare le vie del centro il cui ricavato sarà devoluto a favore di un progetto di Amref in Somalia. Un singolare itinerario di luce interpreta la Pace nelle vie del centro storico come una guida capace di indicare il cammino della Stella di Betlemme. Ha aperto ieri il mercatino di Natale anche a Mezzolombardo e nelle piazze del centro storico di Arco, con inaugurazione ufficiale oggi e a disposizione del pubblico fino ai primi di gennaio. Quaranta le casette che offriranno oggettistica, vin brulè, caldarroste e tipici strauben, presepi. Dal 15 novembre bancarelle nelle strade a Pergine Valsugana e oggi invece hanno aperto anche Levico Terme Dal 29 novembre apriranno i battenti anche i mercatini tradizionali di Canale di Tenno e Rango nel Bleggio, entrambi nel novero dei «I borghi più belli d’Italia», con profumi e atmosfere che pervadono le piazzette e i vicoli di questi luoghi incantati. Il 30 novembre bancarelle anche a Siror e a Cimego. Dal 5 dicembre invece bancarelle nei fine settimana a Cavalese e a Riva del Garda aprirà la Casa di Babbo Natale, diventata una tappa immancabile per bambini e famiglie di tutta Italia (e alcuni provenienti anche dall’estero), dove potere incontrare Santa Klaus e giocare nella sua Officina, frequentando l’Accademia degli Elfi.

Ti potrebbero interessare anche:

ESTATE/Riccione, contro la crisi c'è il lettino da noleggiare a fasce orarie
Capri, l'eleganza non va in vacanza
Anche la "transiberiana d'Abruzzo" tra gli itinerari scelti dal Mibact
Vamos a tapear nei mercati più belli di Spagna
Il turismo delle città d'arte vale 16 miliardi, +114% presenze dal 1995
Cortina, non solo neve. Escursioni, cultura e shopping



wordpress stat