| categoria: In breve, Senza categoria

Scheda/ Da Toni a Perin, cartellini rossi da etilometro

L’etilometro è come un cartellino rosso e qualche volta espelle, almeno dal posto guida, anche i calciatori. Mattia Perin, portiere del Genoa e della nazionale, è stato trovato fuori dai limiti l’altra notte a Genova dopo una cena con i compagni di squadra ed è stato denunciato per guida in stato di ebbrezza. Uguale disavventura era capitata una decina di giorni fa anche al viceallenatore del Bologna, Michele Fini, fermato all’uscita da un ristorante, al quale è stata anche sospesa la patente. Con l’intensificarsi dei controlli sulle strade anche un bicchierino si paga caro, perchè la macchinetta non fa sconti e intanto la lista degli «espulsi» tra i calciatori si allunga. Era capitato tre anni fa a Modena a Luca Toni: l’allora attaccante della Juve era appena fuori dai limiti (0,5% il tasso massimo) ma perse la patente per tre mesi. Stessa sorte, in anni precedenti, per i meno famosi Fabiano Santacroce, che perse la patente nel 2009 quando giocava al Napoli, e per l’allora centrocampista del Rimini Emmanuel Cascione, ‘beccatò la notte di Capodanno 2007 a pochi metri da casa. C’è poi chi è risultato positivo al test dopo aver causato un sinistro, come l’attaccante atalantino Riccardo Zampagna, che nel 2010 tamponò in pieno centro a Bergamo uno scooter condotto da una giovane. Lo stesso anno, ma l’incidente avvenne in autostrada, perse la patente il centrocampista del Livorno Juan Ignazio Surraco, trovato con un tasso superiore a 1,5. All’estero, casi simili sono ancora più comuni. Se Adriano, l’imperatore dalla birra facile, ha perso la patente in Brasile anche solo per aver rifiutato il test, in Inghilterra da già quasi 20 anni fa club e federazione hanno messo in atto contromisure contro il calciatore-bevitore, che era diventato quasi un ruolo fisso in molte squadre di Premier.

LAVORO: DAL CUOCO AL BARMAN POSTO GARANTITO PER PROFESSIONISTI RISTORAZIONE (2)

(Adnkronos/Labitalia) – Il ristorante Rossopomodoro cerca cuochi in tutta Italia responsabili della cucina con esperienza almeno decennale. Compass group cerca cuochi e camerieri da inserire presso le unità produttive offshore (piattaforme site nel mare Adriatico). Si richiede disponibilità a svolgere periodi di 15-20 giorni consecutivi offshore. È richiesta pregressa esperienza di lavoro off-shore-siti remoti, attestato di formazione Bosiet, sufficiente conoscenza dell’inglese. Il gruppo Solaris, società di servizi specializzato nel settore alberghiero, seleziona chef, aiuto cuoco e camerieri di sala. Club Med Jobs ricerca un assistente responsabile dei ristoranti. Si offre contratto stagionale, vitto e alloggio all’interno del villaggio e altri vantaggi legati alle attività del gruppo. CioccolatItaliani ricerca diverse figure professionali nei propri punti vendita in Italia. I profili ricercati sono gelatiere, cuoco, responsabile di sala, store manager. Per tutte le figure è fondamentale la conoscenza delle lingue e la disponibilità a viaggiare. Pregel, azienda che si occupa di produzione di prodotti per le gelaterie, cerca gelatieri con ottima padronanza della lingua inglese, disponibili ad effettuare trasferte e dimostrazioni in paesi esteri. Si richiede esperienza nella fabbricazione del gelato. (Lab-Dks/Adnkronos) 23-NOV-14 15:48 NNN

Ti potrebbero interessare anche:

EUROPEE/ Olanda, euroscettici non sfondano. Solo quarti
Renzi, polemica con minoranza Pd:«L'Ulivo? Lo hanno distrutto loro»
Maturità, nelle scuole romane tanti 100 e pochi bocciati
Incapaci e impotenti, chi pagherà per questo disastro?
Ricetta anti-stupro della Raggi? Nuove telecamere, più illuminazione e pattuglie a cavallo
INFRASTRUTTURE LOMBARDE: ROGNONI CONDANNATO A 3 ANNI, 18 ASSOLUZIONI



wordpress stat