| categoria: sanità Lazio

Zingaretti: Dopo 15 anni chiusa la gestione commissariale dell’Umberto I

Dopo 15 anni si avvia a chiusura la gestione commissariale della vecchia Azienda Universitaria Ospedaliera Policlinico Umberto I liquidata nel ’99 e costata alle casse pubbliche 220 milioni di euro. La Regione Lazio, nei giorni scorsi, ha versato gli ultimi 20 milioni di un finanziamento complessivo di 45 mln che nel lontano 2003 si era impegnata a dare per smaltire i debiti accumulati dalla struttura sanitaria universitaria nel quinquennio ‘94/99. Sono stati necessari 220 milioni di euro in tutto per coprire la voragine creata dalla gestione dell’Ospedale Universitario in soli 60 mesi e certificata dal Commissario liquidatore che ha terminato il suo lavoro nel 2011. Oggi della questione si occupa l’Ispettorato generale di finanza del Ministero dell’Economia. L’inizio della vicenda è legato all’approvazione della legge 453 nel dicembre ’99, che disponeva la messa in liquidazione della vecchia azienda ospedaliera universitaria. Al ministro del Tesoro spettava la nomina di un commissario con il compito di accertare gli attivi e i passivi maturati fino ad allora e liquidare i debiti. A questo fine fu costituta una apposita gestione separata. Per pagare i creditori lo Stato negli anni dal ’99 al 2001 liquidò 175 milioni di euro, mentre la Regione si impegnò per ulteriori 45. Di questi, dal 2006 al marzo 2010, ne liquidò 25. Nei giorni scorsi gli uffici regionali hanno provveduto al saldo finale.

“Un altro problema risolto che chiude una incredibile storia. Purtroppo – spiega il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti – sono stati impiegati ben 15 anni per dare ai fornitori della vecchia azienda dell’Umberto I ciò che spettava loro a fronte delle prestazioni effettuate. Con l’erogazione dei 20 milioni a favore del Mef cancelliamo un altro brutto esempio di cattiva amministrazione. In base alla ricognizione delle partite debitorie ancora aperte, infatti, si prevede che le risorse regionali consentano di procedere alla predisposizione del “Piano di estinzione delle passività” poiché non sono previsti ulteriori interventi finanziari da parte delle Regione, né da parte dello Stato. Mai la frase “voltiamo pagina” è risuonata più appropriata come in questo caso. Un nuovo inizio per l’ospedale Umberto I ci sarà anche con la sottoscrizione di un protocollo: siamo in attesa dell’ok definitivo da parte del Mef e del Ministero della Salute e dell’avvio della conferenza dei servizi per la ristrutturazione del Policlinico. Proprio in queste ore ho chiesto al Ministro Lorenzin di velocizzare le procedure del Nucleo di valutazione nazionale”.

Ti potrebbero interessare anche:

Al Bambin Gesù la nuova tecnica di trapianto del midollo dai genitori
Latina, la rianimazione del Goretti scoppia, paziente "parcheggiato" in sala operatoria
I laziali vanno a curarsi fuori regione, conviene e si fa prima. Zingaretti scrive ai ministri Padoa...
LATINA/ Il centro di alta diagnostica? Forse il 2017 sarà l’anno buono
Asl di Rieti. Cup, più sportelli e orario di apertura anticipato
DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO,DA REGIONE LAZIO 3 MLN EURO



wordpress stat