| categoria: turismo

Parte la stagione dello sci, tra sport nuovi e km zero

In questo insolito e mite novembre sciatori, operatori turistici, addetti agli impianti e appassionati di montagna attendono fiduciosi l’arrivo del ciclone Medea, che da domenica dovrebbe portare nevicate e un brusco abbassamento delle temperature nell’Italia settentrionale e in quella appenninica. Molti impianti di risalita delle principali località sciistiche italiane sono già in funzione, anche grazie all’innevamento artificiale, ma l’arrivo del freddo e della neve anche a basse quote consentirà a tutti i comprensori di dare l’avvio ufficiale alla stagione sciistica, che si preannuncia ricca di cambiamenti e di nuove tendenze. E c’è da crederci, visto che il turismo dello sci rappresenta a livello nazionale l’11,3% del complessivo sistema turistico e che, solo sulle Alpi, genera un mercato da 16 miliardi. Per la stagione invernale che sta partendo l’Osservatorio turistico della montagna italiana (dell’Osservatorio Skipass Panorama Turismo) prevede un incremento del 3,8% di presenze rispetto allo scorso anno, soprattutto nelle destinazioni top – le più famose, quelle più all’avanguardia e con più offerte last minute – anche se solo il 14% delle località sciistiche italiane ha investito in strutture e servizi, in grado cioè di attirare l’interesse di nuovi consumatori. Tuttavia è altissima la richiesta di vivere la neve anche da chi non necessariamente vuole praticare una disciplina sportiva: sono in crescita gli slons (snow lovers no skiers), cioè coloro che amano la neve ma non sciano e che cercano dalla località turistica sentieri dove passeggiare, baite e solarium dove rilassarsi e godere di prelibatezze e tradizioni locali. Un’altra tendenza è la ricerca delle stazioni sciistiche piccole e accoglienti, con poca ressa agli impianti e un buon rapporto prezzo/qualità. Ad esempio le piste intorno al rifugio Col de Varda, sul lago di Misurina sopra Auronzo di Cadore; Padola, in Val Comelico; Rienza a Dobbiaco; Passo Oclini nella ski area di Lavazè, nella Val di Fiemme trentina; il pianoro di Ciampedie, tra Vigo di Fassa e Pera di Fassa. Le grandi destinazioni, dal Dolomiti Superski alla Via Lattea, dal Matterhorn Ski Paradise all’Adamello Ski, invece, vengono scelte in base alla qualità e alla diversificazione dell’offerta, alla sicurezza, all’innovazione e alla garanzia di poter sciare sempre. Tutti i comprensori sciistici danno grande risalto al rispetto per le regole di sicurezza, alle offerte last minute, alle prenotazioni day-time, a promozioni per famiglie e non sciatori. È sempre molto alta l’attenzione per i bambini. Un’altra tendenza è lo «sci a chilometri zero»: si riscopre il treno come mezzo per raggiungere le località di montagna e gli alberghi davanti agli impianti di risalita. Il massimo è poter scendere dal treno e salire sulla cabinovia, come in Val di Sole (Trentino), a Plan de Corones (Alto Adige), a Pila (Valle d’Aosta) e, dal 14 dicembre, a Versciaco (sopra Bolzano). Per quanto riguarda le discipline sportive, le più gettonate anche quest’anno sono quelle free: ciaspole, nordic walking e fondo. Aumentano gli appassionati di slow ski, che privilegia le piste panoramiche con soste e percorsi a bassa velocità, e, all’opposto, di quelli di free ride: sport adrenalinico che sta diventando disciplina e vero e proprio segmento di mercato. Tra le ultimissime novità, un pò elitarie e quindi costose, ci sono il balloon ski, lo snowscoot, lo ski running e lo ice kart, il go kart sul ghiaccio. Si conferma l’interesse crescente anche per l’arrampicata sul ghiaccio, per l’eliski, per le sciate in notturna (soprattutto allo Zoncolan-Ravascletto e nell’area Sella Ronda) e all’alba (in Alta Badia e in Trentino), e per le piste alla francese cioè senza neve artificiale e battitura che danno la sensazione di sciare mentre sta nevicando.

Ti potrebbero interessare anche:

Estate a Capri, tornano sceicchi e re
Ad agosto 2 milioni di italiani andranno in agriturismo
La crisi fa riscoprire piccoli borghi e tipicità, boom di visitatori del gusto
A Latina la prima edizione della Fiera del Turismo Sportivo
Festa del torrone, torna il treno a vapore Milano-Cremona
Cortina fa il pieno di neve, rincuorati gli operatori turistici



wordpress stat