| categoria: politica, Senza categoria

Minoranza Pd in trincea. Ma Renzi è deciso: non c’è altra sinistra

Astensionismo ed emergenza sociale non viaggiano sullo stesso binario e non sono l’indizio di un campo aperto per una formazione a sinistra del Pd. Il premier Matteo Renzi, alla vigilia di una Direzione che, al pari delle ultime, si preannuncia infuocata e disseminata da trappole, spariglia ancora una volta le carte dei dissidenti, smontando alla base i punti di critica mossi verso di lui. Non c’è spazio, al momento, per una sinistra alternativa al Pd che, oggi, come unico contraltare ha solo la rabbia della destra, è il warning lanciato dal premier-segretario a quella fetta di Dem che «fa le pulci al governo» e che, domani, tornerà a farsi sentire. Renzi sa bene che, in vista delle sfide chiave che segneranno il passaggio dal 2014 al 2015 – riforme costituzionali, legge elettorale prima dell’elezione del nuovo capo dello Stato – qualsiasi frattura nel Pd potrebbe essere fatale. Ed anche per questo, alla vigilia di una Direzione sollecitata soprattutto dalla minoranza dopo l’astensionismo shock in Emilia-Romagna, il premier-segretario va in tv e difende, punto per punto, i quasi 300 giorni del suo governo, a partire da quel calo di consensi registrato dai sondaggi rispetto a periodo pre-Europee. È un calo «che non fa male, nel senso che è naturale, quando provi a cambiare delle cose», si fa scudo il premier sottolineando una volta ancora come l’astensionismo sia un dato sui cui «riflettere» ma «secondario» rispetto alla vittoria del Pd e che non va identificato con «il motivo dell’infelicità del Paese». Parole che il presidente-segretario indirizza a quella ‘squadrà di gufi che, rispetto all’inizio del suo mandato si è fatta di certo più copiosa, ospitando ormai in maniera permanente i sindacati e una fetta della Sinistra Dem. Ma alla vigilia di uno dei passaggi più delicati della legislatura, Renzi non ammette alcuna deroga sul percorso delle riforme avvertendo anche chi, come spiega in un’intervista a La Repubblica, «minaccia la scissione» un giorno sì e l’altro pure: «l’alternativa non è un’altra sinistra, ma la destra di Le Pen». Difficile, tuttavia, che il nuovo affondo di Renzi plachi i malumori della minoranza. O, almeno, di una parte di essa. Perchè se ieri, in una riunione con il capogruppo Roberto Speranza e 70 deputati, Area Riformista ha ribadito una linea di netta autonomia dall’imprinting renziano ma di assoluta responsabilità rispetto a un governo targato Pd, le aree vicino a Gianni Cuperlo o Pippo Civati, domani torneranno alla carica. Con Stefano Fassina che ribadisce la richiesta di un referendum sulle politiche di Renzi tra i circoli Pd che potrebbe creare più di un grattacapo al premier-segretario. «Rifiutare il referendum vuol dire non essere interessati alla voce di centinaia di migliaia iscritti ed elettori», attacca Fassina ponendo ancora una volta il vero punto di frattura tra la sinistra Dem e il segretario: «parte del mondo Pd non condivide la sua virata». Parole che domani risuoneranno una volta ancora in una Direzione criticata anche nel metodo – tempi rapidi, streaming – dai dissidenti e che potrebbe allontanare ulteriormente una parte dei Democrat dal Nazareno. Con conseguenze imprevedibili: la tenuta del governo, in Parlamento, resta legata a doppio filo con quella del Pd.

Ti potrebbero interessare anche:

ANALISI/ Berlusconi cavalca lo strappo Pd e offre otto punti choc
Pietre contro un'automobile della Stampa dopo la rivendicazione dell'attentato
Perde il lavoro e si da fuoco in un parcheggio a Casal del Marmo. E' grave
Task force per i controlli alle strutture che ospitano disabili, oggi prima riunione
Blitz contro assenteismo, 14 arresti a Napoli
Prato, un week end con l'arte di pasticceri e biscottieri



wordpress stat