| categoria: turismo

Natale, ad Alberobello fino a gennaio trulli illuminati

Sarà un natale di luci ad Alberobello, la città dei trulli, in provincia di Bari, patrimonio mondiale dell’Unesco. È partito nei giorni scorsi, infatti, in prima assoluta, il Festival delle Luci che illuminerà le famose costruzioni a cono, in modo da creare una atmosfera incantata e ricca di suggestione. A organizzarlo l’Associazione giovani imprenditori turistici di Alberobello (Agit) e Lightcones. L’iniziativa è inserita nel calendario eventi Unesco 2015 ed è patrocinata dalla Società Italiana di Fisica. Il rione Monti, bene Unesco dal 1996, sarà illuminato artisticamente con fasci di luce colorata e dinamica, quindi in movimento, proiettata sui coni, tra i vicoli e le botteghe artigiane. Ogni giorno dalle 17 alle 6 del mattino. Alberobello si è inserita nel circuito con il Festival delle Luci, dopo che l’Assemblea generale dell’Onu ha proclamato il 2015 anno internazionale della luce e delle tecnologie basate sulla luce con l’obiettivo di promuovere la consapevolezza civile e politica del ruolo centrale svolto dalla luce nel mondo moderno.
All’iniziativa hanno aderito l’Unesco e molti gruppi scientifici, istituzioni educative e centri di ricerca, piattaforme tecnologiche, tutti stakeholders internazionali sensibili al tema. Nel 2015 ricorrono alcuni anniversari legati al mondo della luce: i primi studi di ottica compiuti nel 1015 da Ibn Al-Haytham; la formulazione dell’effetto fotoelettrico di Albert Einstein nel 1905; i progressi nella trasmissione di luce con fibra ottica raggiunti a partire dai risultati ottenuti dal fisico Charles K. Kao nel 1965, per fare qualche esempio. Il calendario degli eventi natalizi prevede una edizione invernale dell«Unesco in jazz festival’ (18 e 19 dicembre, Teatro del trulli). Grande rilievo alla tradizione con i presepi. Dal 12 dicembre al 6 gennaio, Casa Pezzolla, sede del Museo del Territorio, ospiterà la XI edizione della mostra dei presepi tradizionali e artistici. Dal 26 al 29 dicembre è in programma la 44° edizione del presepe vivente allestito tra i vicoli dell’Aia Piccola, rione Unesco. E poi ancora appuntamenti enogastronomici, teatro/danza, per arricchire l’offerta turistico-culturale della città quale museo naturale a cielo aperto.

Ti potrebbero interessare anche:

Tirreno mare blu, Sardegna regina 2013
Siena Cambia: ''Via Francigena, occasione fondamentale per il turismo a Siena''
Palazzi e catacombe, tornano le Giornate di Primavera del Fai
Le spiagge più belle del 2016, Sardegna superstar
Mostre 2018, un anno di grandi maestri
Viaggio slow lungo il Delta del Po e poi a Chioggia



wordpress stat