| categoria: Dall'interno, In breve

Fu trovata morta nel lago Bracciano, fidanzato arrestato per omicidio

Ci sono voluti due anni, passati tra perizie, esami e i disperati appelli della famiglia a far luce sulla verità. Oggi, però, il caso di Federica Mangiapelo, la 16enne trovata morta sulla sponda del lago di Bracciano la notte di Halloween del 2012, sembra davvero essere ad una svolta. I carabinieri hanno infatti arrestato il fidanzato della ragazza, Marco Di Muro, con l’accusa di omicidio volontario aggravato. Secondo chi indaga, il ragazzo avrebbe ucciso la sua fidanzata al culmine di una lite, probabilmente per motivi di gelosia. Federica, dunque, non sarebbe morta a causa di malore ma per annegamento. E, secondo gli inquirenti, a tenerle la testa nell’acqua è stata la persona che amava, il suo fidanzato che da sempre si è professato innocente. Il nome di Di Muro, oggi 25enne, era stato però da subito iscritto nel registro degli indagati dalla Procura di Civitavecchia. Era stato proprio lui l’ultima persona ad aver visto Federica prima della morte. E sempre lui aveva continuamente sostenuto di aver lasciato la ragazza attorno alle 3, di una piovosissima notte autunnale tra il 31 ottobre e l’1 novembre 2012, in piazza ad Anguillara, alle porte di Roma. Il corpo della 16enne venne poi trovato ore dopo a circa 5 km di distanza da quel luogo. L’autopsia rivelò che Federica morì a causa di problemi cardiaci, ma solo l’ostinazione della famiglia riuscì a convincere gli inquirenti a non chiudere l’inchiesta e a procedere a nuovi accertamenti. E proprio la perizia pneumologica in sede di incidente probatorio stabilì che Federica morì per annegamento e non per arresto cardiaco, che – stando ai medici – ne sarebbe stato solo una causa. Per questo oggi i carabinieri del Nucleo investigativo di Ostia e della compagnia Cassia hanno notificato l’ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari a Di Muro, nella sua abitazione nella zona di Formello. L’accusa è quella di omicidio volontario aggravato. Secondo chi indaga, il ragazzo avrebbe ucciso la sua fidanzata al culmine di una lite, probabilmente per motivi di gelosia. Secondo gli inquirenti, il giovane – da tempo inviso alla famiglia – l’avrebbe prima strattonata facendola cadere a terra e poi annegata tenendole la testa sott’acqua. «Quello di oggi è un primo passo verso la verità – il commento del sindaco di Anguillara, Francesco Pizzorno -, la famiglia non si arrenderà fino a quando non sarà fatta piena luce sulla morte di Federica».

Ti potrebbero interessare anche:

Frana a Cortina, crollata la parete di roccia del gruppo Sorapis
ROMA/ Pancalli sul blocco del traffico, allo studio soluzioni per chi va allo stadio
L'avvocato di Schettino? Lo paga la Costa
SABAUDIA/ Le ambizioni del sindaco Lucci
Autovelox, se la taratura non è adeguata la multa è da annullare
Latina, ladra e rapinatrice di 26 anni condannata a 20 anni di carcere



wordpress stat