| categoria: In breve, Senza categoria

CALCIO/ Mancini ci crede, l’Inter può puntare alla Champions

Tre punti per risollevare il morale, ritrovare fiducia, rilanciarsi in classifica e allontanarsi dalla zona retrocessione ormai distante solo cinque lunghezze. L’Inter, domani sera, chiuderà la quindicesima giornata di campionato nel posticipo del Bentegodi contro il Chievo. E la vittoria è d’obbligo, anche perchè quanto raccolto in questo inizio stagione non può bastare. Mancini, però, resta fiducioso, è sicuro delle basi messe in questo primo mese di gestione: «Domani sarà una gara difficile, ma noi dobbiamo continuare per la strada intrapresa. C’è delusione per la sconfitta con l’Udinese, ma il percorso è quello giusto. Voglio vedere maggior consapevolezza, serenità e una precisa idea di gioco. Credo che questa squadra possa giocarsi un posto in Champions» la consapevolezza di Mancini espressa nella conferenza stampa della vigilia. Insomma il terzo posto non è un obiettivo accantonato. Anzi, se i dirigenti nerazzurri si muoveranno bene sul mercato a gennaio, il tecnico è sicuro che la stagione si chiuderà in positivo: «Questa squadra può regalare soddisfazioni – ha affermato l’allenatore con decisione – Non sono negativo, certo servono rinforzi in determinati ruoli. Se arrivasse un’offerta per Icardi e Guarin? In questo momento non è successo e non credo succederà». L’Inter non vuole privarsi dei propri gioiellini, come l’argentino, o di quei giocatori che sono già entrati nelle grazie del tecnico, come il colombiano. Si cercherà dunque di piazzare gli esuberi e di regalare qualche rinforzo. Difficile però che nella lista degli acquisti fatta da Mancini ci sia Mario Balotelli, in rotta totale con il Liverpool tanto che dall’Inghilterra rilanciano un possibile ritorno in Italia dell’attaccante già a gennaio. L’allenatore nerazzurro però nega di avere avuto contatti di recente, ma allo stesso tempo non fa mistero della sua stima. «Ci siamo sentiti l’ultima volta due anni fa a Londra prima di una partita. Sono un suo grande tifoso, gli voglio bene per quello che è come ragazzo. La mia speranza è quella di vederlo un giorno realizzare sul campo quello che sa, lasciando da parte le cose non importanti» l’auspicio quasi paterno di Mancini. Così, attendendo il mercato di gennaio, l’Inter dovrà fare il possibile per ottenere i sei punti disponibili prima della sosta natalizia. Quella con il Chievo è una sfida sulla carta abbordabile, poi ci sarà la Lazio a San Siro, match più ostico. Ultimi 180′ per salutare il 2014 con un buon auspicio per il 2015: domani a Verona la vittoria è d’obbligo anche perchè Mancini non ha ancora potuto gioire per i tre punti in campionato.

Ti potrebbero interessare anche:

Bambini cadono da escavatrice in una cava. Due gravi
Le vacanze di Hollande a 20 km dall'Eliseo con l'incubo dei conti
Usa, cadono le accuse al principe Andrea per sesso con una minorenne
Una "coda" di Mafia Capitale a Sabaudia?
PENSIONI/ Boeri, il nostro problema non è la sostenibilità, ma l'equità
VITERBO- Torna l'appuntamento con la Calza più lunga del mondo



wordpress stat