| categoria: esteri

UE/ Il piano Junker già divide, al vertice tutti i nodi

Invece di ricompattare l’Europa, il piano Juncker per rilanciare la crescita, per ora, la divide. Quel «sostegno forte» che la Commissione si aspetta dal vertice europeo di giovedì e venerdì prossimi non sarà che un’accoglienza di prammatica, carica di dubbi. E lo scetticismo che aleggia in tutte le capitali, non solo in quelle che più hanno spinto la Commissione ad agire in fretta come l’Italia, è destinato a durare almeno per qualche mese, finchè la Commissione non chiarirà i dettagli di quello che ora è soltanto un contenitore vuoto. Del piano di investimenti, infatti, si conosce soltanto la portata: in tre anni dovrebbe riuscire a mobilitare 315 miliardi di euro, partendo da un capitale di base di 21 miliardi, di cui soltanto 8 dal bilancio europeo. Il tutto grazie ad un meccanismo di leva finanziaria che funzionerà solo se si troveranno gli investitori disposti a metterci il ‘cash’. Se per molti si tratta di una potenza di fuoco piuttosto incerta e variabile, per Jean Claude Juncker è un punto di forza del suo piano: «Non contiamo su fondi che l’Europa non ha, per questo il piano è credibile e realizzabile», ripetono da settimane il presidente e il suo vice responsabile del piano, Jyrki Katainen. Ed è infatti realizzabile anche senza il contributo degli Stati, una eventualità che la Germania avrebbe respinto. I contributi saranno solo volontari, e la Commissione dovrà cercare di incentivarli. Ma è proprio questo il primo problema che rende cauti gli Stati, tanto che finora non hanno voluto sbilanciarsi e dire se parteciperanno o meno al piano su cui Juncker ha puntato tutto. Gli incentivi al piano sono piuttosto ‘poverì: i contributi dei Paesi saranno ‘neutrì dal punto di vista del bilancio, cioè non appesantiranno debito e deficit. L’Italia, ad esempio, punta più in alto e vorrebbe che lo scorporo venisse esteso anche alla parte nazionale dei progetti co-finanziati dalla Ue, che pure potranno entrare nel piano Juncker. Ma Katainen ha già chiuso la porta: comporterebbe un cambiamento delle regole, e per ora non si fa. Per lo Stato che volesse investire poi, si porrebbe un secondo problema: al momento, non avrebbe certezza che il suo investimento andrà ad un progetto a cui tiene, perchè la ‘cassà dove confluiscono i fondi è una sola e finanzierà solo i progetti scelti, ma non dagli Stati. Sarà un’autorità indipendente a fare la selezione, e non è detto nemmeno che la lista compilata finora dalla ‘task forcè Bei-Commissione-Stati, con una novantina di progetti italiani, sarà utilizzata come bacino. Quindi non c’è alcuna certezza che saranno selezionati progetti importanti per l’Italia come i porti di Genova e Venezia, il nodo di Palermo, la Salerno-Reggio Calabria, il Terzo Valico, la Torino-Lione, il Piano Scuola, la banda larga e le interconnessioni elettriche. Cioè quelli indicati dal Governo alla ‘task forcè. Vedranno la luce solo i «progetti strategici in settori prioritari», ha spiegato la Commissione, ma fonti europee fanno notare che non è stata nemmeno fornita una definizione del concetto, togliendo quindi agli Stati ancora più certezze su quello che il piano potrà fare per loro.

Ti potrebbero interessare anche:

Dissidenti sfidano il regime cinese, visita a sorpresa alla moglie del Nobel (in prigione) Liu Xiaob...
Terrorismo, al Qaeda progetterebbe attentati a treni europei
GERMANIA/ Via libera dell'SPD alla grande coalizione con la Merkel
SPAGNA/Corte Costituzionale boccia la sovranità della Catalogna
Violento terremoto a largo del Cile centrale, allerta tsunami
Germania, la Merkel travolge i rivali socialisti: vittoria a casa di Schulz



wordpress stat