| categoria: sport

Inzaghi sorride, il suo Milan può lottare tra i grandi

Brindisi natalizi, durante il viaggio di ritorno, e tanti sorrisi in casa Milan dopo il pari con la Roma che è valso quanto una vittoria. L’Europa League ora è lontana una sola lunghezza e quattro squadre separano i rossoneri dal terzo posto. La classifica è corta e nelle ultime due gare del 2014, tutt’altro che semplici, il Milan ha dimostrato di poter lottare per la Champions. Il morale è alto, c’è sintonia nell’ambiente tanto che Inzaghi, con la solita dedizione, avrebbe preferito non ci fosse la pausa natalizia per poter cavalcare il momento d’oro. Il presidente Berlusconi lo aveva detto: il suo club non partiva sconfitto nel big match dell’Olimpico. E Inzaghi può ora godersi le note liete della sua prima avventura su una panchina di Serie A. Quattro mesi di duro lavoro, di transizione, di bocciature e promozioni. Perchè se da una parte il tecnico ha dimostrato che Torres non è all’altezza delle aspettative tanto che, inutilizzato da quattro gare, il suo destino sembra ormai segnato, come forse quello di El Shaarawy ai margini dell’undici ideale; dall’altra Menez e Bonaventura stanno regalando parecchie soddisfazioni. Sono giocatori disposti al sacrificio, dall’ottime qualità tecniche. Anche la difesa, nonostante gli infortuni di Abate, De Sciglio (torneranno a gennaio) e Alex, ha dimostrato di poter contare su valide alternative e, complice un ottimo Diego Lopez, contro Napoli e Roma il Milan è uscito a porta imbattuta. Sono le basi di una squadra compatta, tenace e guerriera, ad immagine del suo allenatore. Dopo i meritati giorni di riposo, i rossoneri il prossimo 27 dicembre partiranno per Dubai con il nuovo aereo di Fly Emirates targato Milan e torneranno a respirare il calcio internazionale con l’amichevole del 30 contro il Real Madrid di Ancelotti. Sarà una partita di ricordi, tra i due club europei più titolati al mondo, un test per mantenere la forma prima dell’inizio del campionato: il 6 gennaio a San Siro ci sarà il Sassuolo e ricomincerà la rincorsa al terzo posto. Con la convinzione di poter centrare gli obiettivi stagionali.

Ti potrebbero interessare anche:

Juve, settimana della verità per Conte. Resterà?
Immobile-Cerci, show pirotecnico del Torino contro il Genoa
Juve al crocevia, Genova è già decisiva
SCHERMA/ Verso Rio 2016, progetto a sostegno di atleti paralimpici
SCI/Fanchini-Paris, doppio trionfo per l'Italia Jet
MOTO/ Qatar, vince Lorenzo. Rossi è quarto



wordpress stat