| categoria: economia

Meridiana, si tratta per l’accordo, corsa contro il tempo

Il confronto su Meridiana si è sbloccato. Le parti si sono nuovamente sedute ad un tavolo per raggiungere un accordo. Il governo ha aperto ad una mobilità con le regole pre-Fornero, che darebbero un anno in più di ‘coperturà, consentendo a molti di agganciare la pensione. Ma, per risolvere la vertenza, è corsa contro il tempo. Tutto deve essere concluso entro il 31 dicembre. La vertenza era in stallo. Ieri l’azienda aveva lanciato un ultimatum. Ma via stampa. Ai sindacati non era giunta alcuna convocazione. Così i sindacati territoriali hanno lanciato l’allarme, spiegando le difficoltà tecnica a rendere applicabile la richiesta. Quella del 23 dicembre – hanno spiegato – è la data entro cui si avrebbe ancora la possibilità, in questo periodo di feste natalizie, di inviare le comunicazione ai vari uffici del Lavoro nei comuni di residenza dei lavoratori volontari o che potrebbero lasciare l’azienda in pre-pensionamento, ai quali dovrebbe poi seguire la «certificazione» della ricezione della domanda, quindi l’avvio della procedura. Se si andasse oltre Natale, quindi nella settimana tra il 29 e il 31 dicembre, questa certezza non si avrebbe. Ma l’intesa appare comunque vicina, con la messa a punto di una ipotesi di accordo che va sottoposto ai lavoratori, per poi essere portato di nuovo sabato 27 dicembre all’esame del ministero del lavoro. A consentire di riavviare il tavolo è stata la mediazione decisiva del governo. Il rappresentante dell’ Aga Khan Fund for Economic Development Sultan Ali Allana e il Presidente Meridiana Marco Rigotti hanno prima incontrato il ministro per lo Sviluppo Federica Guidi e il sottosegretario al lavoro, Teresa Bellanova. A loro hanno dato la disponibilità a chiudere l’accordo «entro la fine dell’anno in ordine alla mobilità con l’esclusivo criterio della non opposizione a fronte degli impegni presi dal Governo». Il governo ha quindi convocato i sindacati al ministero del lavoro e riavviato il tavolo. La mediazione proposta, di fronte agli oltre 1.600 esuberi che la mancanza di accordo avrebbe provocato, punta a realizzare una procedura «volontaria» di mobilità, per la quale sarebbe previsto un incentivo di 15.000 euro. A questo il governo aggiunge la possibilità di utilizzare per Meridiana le norme della mobilità pre-Fornero, che consentirebbero di allungare i tempi di un anno. Questo permetterebbe di agganciare la pensione a chi ha già sufficiente anzianità. Ma il confronto proseguirebbe anche nel 2015 con un tavolo che consenta di seguire il processo di ristrutturazione dell’azienda per gestire definitivamente gli esuberi residui.

Ti potrebbero interessare anche:

Ingorgo da 240 euro per Tares e Imu, a settembre mazzata fiscale?
Renzi impotente? Ast, la trattativa si chiude senza accordo, ora la mobilità
Telecom annuncia 1.700 esuberi. Accantonata l'assunzione di 4.000 giovani
LAVORO/ Visco, continuano a mancare politiche attive
Pensioni, allarme Istat: in sei milioni vivono con meno di mille euro al mese
Aspi, Cdp presenta offerta con Blackstone e Macquarie



wordpress stat