| categoria: Dall'interno

TERRORISMO/ Blitz contro i neofascisti, via agli interrogatori

Sono iniziati oggi gli interrogatori per gli arrestati nell’inchiesta Aquila Nera della procura aquilana che ha portato in carcere undici militanti neofascisti e tre di loro ai domiciliari. Nel carcere di Teramo con il gip in rogatoria è stata interrogata Marina Pellati, la compagna del leader neofascista Stefano Manni, ma a quanto sembra la donna si sarebbe avvalsa della facoltà di non rispondere. Tutti gli interrogatori di garanzia si effettueranno per rogatoria dai gip nelle varie sedi giudiziarie dove sono stati arrestati i neofascisti. Domani,così, in carcere a Pescara verrà interrogato Stefano Manni, difeso dall’avvocato Nicola Montani di Pescara, ma la linea difensiva dovrebbe essere la stessa, cioè non rispondere alle domande del giudice. Intanto, c’è stupore da parte delle persone finite nel mirino del gruppo, visto che fino a quel momento nessuno aveva mai avuto sentore di alcuna minaccia. «Non ho mai saputo nulla di queste minacce. Mi ha fatto impressione leggere il mio nome fra quelli di possibili bersagli terroristici: mi auguro che sia venuto fuori adesso, non prima», ha detto il presidente del Consiglio regionale delle Marche Vittoriano Solazzi, cui ha fatto subito eco la senatrice aquilana Stefania Pezzopane. «Essere stata indicata come uno degli obiettivi del gruppo eversivo, mi ha molto colpita. Pensare che mentre fai il tuo dovere sei sottoposta ad attenzioni di questi gruppi mi fa venire i brividi. Girare liberamente per la città, prendere mezzi pubblici, per me è un fatto normale. Tuttavia non ho certo intenzione di cambiare le mie abitudini», ha ripetuto l’esponente Pd. Sia il capo del gruppo Manni che l’ideologo Rutilio Sermonti provengono dalla provincia di Ascoli, ma il sindaco respinge quasi con sdegno le accuse che la città marchigiana possa essere il centro di un gruppo eversivo: «trovo ridicola e risibile la sola idea che la città di Ascoli Piceno ed il territorio circostante possano essere anche semplicemente accostati ad organizzazioni di qualsiasi natura esse siano, volte a destabilizzare il Paese», ha detto Guido Castelli (Fi). Che la vicenda abbia fatto rumore lo dimostrano anche i commenti del presidente della Cei, il cardinale Angelo Bagnasco, per il quale «è certamente un episodio inquietante e deve essere preso sul serio» ma «non mi sembra ci sia un brodo di coltura che favorisca psicologicamente e emotivamente questi fatti eversivi». Più preoccupato invece il presidente dell’Associazione nazionale partigiani Carlo Smuraglia, secondo il quale questi pericoli terroristici avvengono perchè «il vero rischio per la democrazia è la politica di oggi. La crisi dei partiti, è terribile da dire, mi fa ancora più paura di un possibile attentato», afferma Smuraglia, che da tutto questo vede un pericolo, «perchè allontana i cittadini dalla partecipazione, e quindi dalla democrazia. Soprattutto nei periodi di crisi, quando la gente si convince di non avere più niente da perdere. È lì che nascono le dittature».

Ti potrebbero interessare anche:

G8: Pg Genova, via a nuovo procedimento disciplinare
MAFIA/ Beni sequestrati, altri tre magistrati indagati
COSENZA/ Giocavano alle slot machine nelle ore di lavoro, 18 medici indagati
Lodi, identificato rapinatore ucciso: è un 33enne romeno
Canicattì, chi adotta un cane randagio ha diritto ad uno sconto sulla Tari
Grosseto, 15enne violentata: indagati tre minorenni



wordpress stat