| categoria: Cultura

MOSTRE/ E’ la ragazza di Vermeer la regina del 2014

È ‘La ragazza con l’orecchino di perla. Il mito della Golden Age da Vermeer a Rembrandt. Capolavori dal Mauritshuis’ la mostra più vista nel 2014. Dall’8 febbraio al 25 maggio, con ingressi contingentati per le dimensioni di Palazzo Fava che a Bologna ha ospitato l’eccezionale evento, la rassegna ha registrato ben 342.626 visitatori, che hanno affrontato code infinite per ammirare il capolavoro-icona del genio olandese. Al secondo e terzo posto sono invece Frida Kahlo a Roma e Klimt a Milano. Se il successo della ‘Ragazzà di Vermeer poteva apparire scontato (anche se si attendeva un numero di presenze assai inferiore), non si può dire la stessa cosa delle altre due esposizioni sul podio, in quanto hanno dovuto fare i conti con diverse mostre incentrate su maestri o movimenti pittorici molto amati dal pubblico degli appassionati. Eppure ‘Frida Kahlò, la bella rassegna allestita dal 20 marzo al 31 agosto alle Scuderie del Quirinale, ha stravinto con 332.000 presenze, un consenso che sta arrivando anche per l’edizione genovese, un pò variata (con molte opere del marito Diego Rivera), a Palazzo Ducale fino all’8 febbraio. Al terzo posto, con 250.632 visitatori, ecco ‘Klimt. Alle origini di un mitò, ospitata dal 12 marzo al 13 luglio a Palazzo Reale di Milano, sede espositiva che quest’anno (anche in previsione dell’Expò 2015) ha battuto ogni record, basti pensare alle rassegne ancora in corso su Van Gogh e Chagall che secondo le previsioni dovrebbero superare le 300.000 presenze. Per tornare a quelle concluse, infatti, se al quarto posto con 228.000 visitatori si piazza ‘Fundamentals’, la mostra internazionale di Architettura della Biennale di Venezia svoltasi dal 7 giugno al 23 novembre, al quinto c’è nuovamente una mostra milanese, ‘Warhol. Dalle Collezioni di Peter Brant’, che dal 24 ottobre al 9 marzo ha richiamato a Palazzo Reale 225.000 persone. A seguire, in sesta posizione, ‘Verso Monet. Il Paesaggio dal ‘600 al ‘900’, che allestita dal 26 ottobre al 9 febbraio alla Gran Guardia di Verona ha registrato 211.315 presenze. Va detto che la stessa mostra, con qualche variante, ha avuto una tappa vicentina (alla Basilica Palladiana dal 22 febbraio al 4 maggio) capace di attirare in poco più di due mesi 155.520 persone. Al settimo posto, di nuovo un’esposizione di Palazzo Reale, ‘Kandinsky’, con 206.000 visitatori dal 17 dicembre al 4 maggio, mentre in ottava posizione ecco la rassegna romana ‘Musee d’Orsay. Capolavorì, la splendida selezione allestita dal 22 febbraio al 22 giugno al Complesso del Vittoriano vista da 165.000 persone. A quota 150.000 si è fermata la bellissima ‘Pontormo e Rosso Fiorentino. Divergenti vie della Manierà, dall’8 marzo al 20 luglio nel fiorentino Palazzo Strozzi che conquista così il nono posto. Conclude questa Top ten ‘Liberty. Uno stile per l’Italia modernà, che dall’1 febbraio al 15 giugno ha richiamato al Museo di San Domenico di Forlì 130.000 visitatori

Ti potrebbero interessare anche:

ARTE/ E' morto Jean Rustin, il pittore degli interni claustrofobici
ARCHEOLOGIA/ E' un fiorire di scoperte a Roma, ora le terme con gli stucchi
MOSTRE/ Roma, i "Bassifondi del barocco" con l'Accademia di Francia
EXPO/ Sgarbi, dopo i Bronzi sogno la Venere del Botticelli
I "cantieri" della cultura nel Sud: 88 interventi in cinque regioni
"Il mistero di Ninfa" pronto per essere svelato



wordpress stat