| categoria: attualità

I media Usa sottolineano l’assenza di Obama e Kerry a Parigi

C’erano tutti. Da Renzi, a Netanyahu, Cameron, Abu Mazen, Merkel. Ma non Obama. Nè Kerry e neanche Biden. Alla marcia repubblicana di Parigi, in omaggio alle vittime degli attentati in Francia, si sono riuniti i leader mondiali di oltre 40 Paesi, ma all’appello mancavano il presidente Usa, il segretario di Stato e il vicepresidente. Una scelta, questa, che ha suscitato polemiche negli Usa, scatenando il dibattito. A partire dai Twitter. A rappresentare gli Stati Uniti alla marcia, c’era anche l’ambasciatore in Francia, Jane Hartley. A Parigi c’era anche l’attorney General Eric Holder e il vice segretario del dipartimento di Homeland Security, Alejandro Mayorkas, per prendere parte con i funzionari francesi a un summit sul terrorismo. Ma è sull’assenza di Obama che si sono scatenate le polemiche anche se la Casa Bianca non ha commentato. Mentre Kerry era in un certo senso giustificato considerando che è in missione in India. «Doveva esserci. Ha detto che la Francia è l’alleato più vecchio degli Usa e allora perchè non è andato alla marcia?», è uno tanti tweet. «Che delusione non vedere una vera rappresentanza Usa», scrive Ian Bremmer presidente di Eurasiagroup. Il dibattito si è poi allargato sui media. A partire dalla Cnn che ha criticato la scelta del presidente. «Un errore», ha detto Fareed Zakaria, uno degli editorialisti dell’emittente.

Ti potrebbero interessare anche:

IL PERSONAGGIO/ Il black bloc in carrozzina che viaggia in Frecciarossa
Banca Etruria, il nuovo ad inguaia i vecchi vertici: "Faremo causa"
TERREMOTO - I nomi delle prime vittime
Pd, Orlando corre per la segreteria: mi candido, la politica non può essere solo prepotenza
Attacco a Londra, Theresa May: «E' un atto terroristico odioso»
Ocean Viking, "domani lo sbarco"



wordpress stat