| categoria: politica

Quirinale, Grasso sarà supplente. Il record di Merzagora

Se il presidente della Repubblica lascia il palazzo del Quirinale in anticipo, la poltrona di capo dello Stato non resta vuota. I padri costituenti hanno previsto che gli subentri il presidente del Senato fino al momento in cui il Parlamento elegge il successore: e così, non appena Giorgio Napolitano avrà comunicato formalmente le sue dimissioni, l’attuale numero uno di Palazzo Madama Pietro Grasso lo sostituirà per tutto il periodo di interregno. Grasso, però, non salirà al Quirinale: come vuole la prassi, eserciterà la sua funzione di capo dello Stato «supplente» da palazzo Giustiniani, l’edificio cinquecentesco in via della Dogana Vecchia dove ha sede l’ufficio di rappresentanza del presidente del Senato. Saranno i corazzieri a scendere dal colle più alto della capitale e a montare la guardia a Grasso di fronte al palazzo senatoriale. Non è la prima volta che nella storia della Repubblica bisogna far entrare in gioco la riserva del presidente. Quattro sono stati i supplenti subentrati per dimissioni del capo dello Stato: Cesare Merzagora nel 1964, Amintore Fanfani nel 1978, Giovanni Spadolini nel 1992 e Nicola Mancino nel 1999. La supplenza più duratura è stata quella di Merzagora che sostituì Antonio Segni per oltre quattro mesi. Merzagora, un indipendente eletto nella Dc, prese il posto di Segni quando il presidente fu colpito da una grave emorragia cerebrale durante un incontro al Quirinale con Giuseppe Saragat e Aldo Moro il 7 agosto 1964. La sua supplenza durò fino al 28 dicembre dello stesso anno, quando il Parlamento in seduta comune elesse Giuseppe Saragat. Fu poi la volta di Amintore Fanfani: il politico aretino sostituì Leone quando quest’ultimo si dimise, sette mesi prima della conclusione del mandato, in seguito al crescendo di accuse sul suo coinvolgimento nello scandalo Lockheed. Fanfani tenne l’incarico 23 giorni, dal 15 giugno all’8 luglio del 1978, fino all’elezione di Sandro Pertini. Altro presidente supplente fu Giovanni Spadolini: prese il posto di Francesco Cossiga che si era dimesso circa un mese prima della fine del mandato in polemica con i partiti che criticavano il suo superattivismo politico. Spadolini tenne l’incarico un mese, dal 25 aprile al 25 maggio del 1992, fino all’elezione di Oscar Luigi Scalfaro. Una brevissima supplenza fu esercitata da Nicola Mancino nell’interregno tra Scalfaro e Azeglio Ciampi: quest’ultimo era già stato eletto dal Parlamento in seduta comune e Scalfaro, invece di aspettare l’ultimo giorno di scadenza, aveva lasciato il Quirinale con qualche giorno di anticipo. Mancino tenne l’incarico per 3 giorni, tra il 15 maggio e il 18 maggio 1999.

Ti potrebbero interessare anche:

Intercettazioni,"Non sono nell'intesa di governo". Stop di Epifani al Pdl:
LAVORO/ Poletti apre sulle modifiche al Dl, la minoranza Pd gradisce
La manovra lievita a 27 miliardi, quest'anno Pil +0,9%
Fassino, in tempo di crisi sale la fiducia nei sindaci
Il Cav: terrorismo? Gli italiani hanno paura, ma per i furti
CENSIS/ Cresce il trasformismo, 6,1 cambi di casacca al mese



wordpress stat