| categoria: sanità Lazio

LA DENUNCIA/ Assotutela, al San Camillo mancano anestesisti-rianimatori

All’ospedale S.Camillo di Roma c’è un problema di estrema urgenza che si trascina da anni: la carenza di medici anestesisti-rianimatori». Lo dichiara Michel Emi Maritato, presidente dell’associazione Assotutela che da anni si batte per i diritti dei cittadini. «Da anni scarseggiano queste figure professionali nel nosocomio sulla Gianicolense, ma nessuno ha mai preso in seria considerazione il problema – aggiunge Maritato – sebbene gli anestesisti-rianimatori siano fondamentali per gli interventi chirurgici. Non ci si venga quindi a dire che è colpa del piano di rientro, del blocco delle assunzioni, delle dottoresse assenti per maternità». «Le uniche responsabilità – continua Maritato – sono delle direzioni aziendali che si sono succedute negli anni e dell’attuale dirigenza che sembra non accorgersi dell’emergenza e non sollecita, come fanno tutti gli altri manager, la Regione Lazio a prendere provvedimenti urgenti. Ci meraviglia il fatto che i direttori inadempienti, e parliamo degli ultimi 10 anni, siano rimasti al vertice dell’azienda pur non avendo rispettato uno degli obiettivi primari della sanità: la tutela del diritto alla salute». «Ė inconcepibile – conclude il presidente di Assotutela – che pazienti con delicate patologie, siano costretti ad uno, due, tre, fino a cinque rinvii dei loro interventi. Assotutela verificherà se non ricorrano gli estremi della interruzione di pubblico servizio».

Ti potrebbero interessare anche:

Pagelle e controlli per i fornitori della sanità
Blitz di Barillari: Casa della salute di Sezze vuota, è l'ennesimo bluff di Zingaretti
Dalla Regione il piano "taglia attese": 115mila esami in più in 3 mesi
Asl Viterbo, in arrivo nuovi punti di assistenza infermieristica
Zingaretti a Civitavecchia: sopralluogo all'hospice oncologico
Oftalmico al via il Centro a misura di bambino



wordpress stat