| categoria: In breve

Accordo fiscale raggiunto con la Svizzera, più facile la voluntary disclosure

Dopo tre anni di trattative l’Italia e la Svizzera hanno raggiunto un accordo fiscale che facilita l’adesione alla voluntary disclosure da parte di contribuenti italiani con capitali nella Confederazione elvetica, permettendo al fisco di ottenerne di dati. La firma dell’accordo tra i ministri delle finanze dei due paesi arriverà a metà febbraio. Secondo Vieri Ceriani, consigliere economico del ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, si tratta di un accordo epocale che dà strumenti di contrasto dell’evasione fiscale impensabili fino a qualche anno fa. In particolare, l’accordo conterrà lo scambio di informazioni di natura finanziaria per una roadmap su frontalieri, Campione d’Italia e Blacklist.

In concreto l’accordo concerne una modifica del Trattato tra Italia e Svizzera sulle doppie imposizioni e rivede l’articolo sullo scambio di informazioni adeguandolo agli standard Ocse. Si tratta quindi dell’ultima occasione per il cittadino che voglia mettersi in regola di regolarizzare la propria posizione con il fisco italiano senza incorrere in sanzioni penali per reati fiscali. Ad ogni modo, il cittadino dovrà comunque dichiarare e pagare tutto quanto dovuto al fisco. Una volta firmato, l’accordo dvorà poi essere ratificato dai rispettivi Parlamenti per entrare in vigore, poi, entro uno o due anni.

Ti potrebbero interessare anche:

FLASH/Egitto, 5 italiani bloccati ad Alessandria
Telecom affonda in Borsa, per Argentina un miliardo di dollari
CALCIO/ Roma batte Liverpool (1-0) in amichevole a Boston
STAMINA/ Papà di Noemi, negate le cure a mia figlia
Una donna per rilanciare la Bbc,è la prima volta
Viterbo, caos al concorso per i vigili, risposte già scritte?



wordpress stat