| categoria: Senza categoria, sport

CALCIOMERCATO/ Ferrero piazza il colpo Eto’. Sirene inglesi per Zaza

La Sampdoria fa davvero sul serio. Il presidente blucerchiato Ferrero conosce bene il mondo del cinema e il colpo Eto’o è degno del miglior film. L’accordo con il camerunense è stato trovato a Parigi al termine di un incontro tra il numero uno blucerchiato, l’avvocato Romei e il calciatore. Eto’o, pur di arrivare alla Samp, avrebbe detto no al Santos, che si è inserito nella trattativa solo negli ultimi giorni, ma anche al Cosmos e al Fenerbahce. L’accordo prevede un contratto a 1,5 milioni di euro a stagione per due anni più eventuali bonus e non è escluso un futuro da manager nella società blucerchiata. L’arrivo a Genova dell’attaccante camerunense, che lunedì sosterrà le visite mediche, potrebbe coincidere con la definitiva partenza di Okaka, il cui contratto scade nel 2016. Eto’o potrebbe già essere in campo mercoledì, in Coppa Italia, contro l’Inter con la quale è stato protagonista del triplete nel 2010. Una suggestione non da poco, dopo quella – che sembra essere sfumata – del passaggio di Sneijder alla Juventus. Ferrero, però, non si ferma qui e cerca di risolvere anche la questione legata a Muriel. L’accordo con l’Udinese si avvicina e, grazie all’intervento del diesse doriano Osti, la trattativa dovrebbe chiudersi sulla base di 10 milioni di euro più 2 di bonus. Per il n.1 blucerchiato, insomma, una giornata da ricordare: oltre al colpo Eto’o, la corte d’appello federale ha tolto l’inibizione di tre mesi che gli era stata inflitta per le frasi sul presidente dell’Inter Thohir (“Avevo detto a Moratti: caccia quel filippino”).

PELLEGRINI: “NO A CESSIONE JOVETIC”. MILAN, FATTA PER SUSO – In casa Juventus prosegue la caccia al trequartista. I campioni d’Italia restano vigili su Mkhitaryan del Borussia Dortmund, anche se l’obiettivo primario rimane Jovetic. Sull’ex Fiorentina, però, non arrivano buone notizie da Manchester. Il tecnico del City Pellegrini, infatti, sembra volersi tenere stretto il montenegrino, oltre a blindare Touré: “Penso che Yaya sia legato alla nostra squadra al 100%, non ho alcun dubbio. Jovetic? Bony viene a sostituire Negredo, non Stevan – afferma il tecnico cileno – Jovetic è un giocatore importante per noi”. Il Milan, invece, dopo aver perfezionato la cessione in prestito con diritto di riscatto di Saponara all’Empoli, chiude per il centrocampista offensivo del Liverpool Suso, che ha firmato per quattro anni e mezzo e da lunedì sarà a disposizione di Inzaghi. Galliani non esclude neppure l’ingaggio di un terzino: “Siqueira? Se ci sarà l’occasione giusta prenderemo un terzino, sennò andremo avanti con i nostri”.
INTER STINGE PER MARIO SUAREZ – Tra le più attive sul mercato c’è sempre l’Inter di Mancini. Per inseguire la qualificazione in Champions, dopo gli arrivi di Podolski e Shaqiri, la società nerazzurra punta ad un centrocampista di spessore. L’obiettivo numero uno resta Mario Suarez dell’Atletico Madrid. Dopo l’iniziale chiusura di Simeone, i Colchoneros avrebbero adesso lanciato qualche segnale all’Inter, dimostrandosi disponibili a sedersi attorno ad un tavolo per aprire una trattativa che potrebbe chiudersi con il prestito e il riscatto a giugno fissato attorno agli otto milioni di euro. Più difficile, invece, la pista che porta a Lucas Leiva, tolto dal mercato dal manager del Liverpool. “Non è uno di quei calciatori che vogliamo perdere a gennaio. Ci saranno voci per tutto il mese, ma ho parlato con il ragazzo e qui sta bene”, ha chiarito il tecnico dei Reds Rodgers. Prima di chiudere per altri innesti l’Inter però deve lavorare in uscita. Per M’Vila è derby londinese tra Qpr e West Ham, mentre più intricata è la situazione di Osvaldo che vorrebbe accasarsi in un club importante. Con la cessione dell’italo-argentino, nonostante le dichiarazioni di Mancini, non è da escludere un altro innesto in avanti, qualora dovesse profilarsi una buona occasione. In quest’ottica i nerazzurri continuano a monitorare la situazione di Gilardino, sul quale il Parma resta in vantaggio.

SIRENE INGLESI PER ZAZA – Anche la Fiorentina deve sfoltire la rosa, prima di provare a chiudere per altri acquisti. Il francese Defrel del Cesena e Bertolacci del Genoa sono i primi nomi sulla lista della coppia Pradè-Macia, ma se non ci sarà un adeguato numero di cessioni le due operazioni verranno rimandate a giugno. Difficile anche arrivare a Giovinco. I viola avevano proposto alla Juve uno scambio alla pari con il portiere Neto, ma la concorrenza del Monaco, pronto ad offrire un contratto importante all’attaccante, svincolato a giugno, è forte. Sirene inglesi, infine, per Simone Zaza. Le prestazioni dell’attaccante del Sassuolo non sono passate inosservate in Premier League e il Tottenham potrebbe presentare un’offerta importante al club emiliano.

Ti potrebbero interessare anche:

I Rolling Stones si esibiranno per la prima volta al festival rock di Glastonbury
Letta, Grillo, il Pd, c'è il rischio che la situazione sfugga di mano?
Casa e immigrati, per le vie della capitale è sfilato anche l'altro corteo
MUSICA/ Laura Pausini con Ricky Martin nella giuria de La Banda
DEGRADO, Marino ordina lo sgombero del complesso immobiliare di via Assisi
Stadio, adesso c'è anche l'altolà del Mibac



wordpress stat