| categoria: Senza categoria, Speciale Giubileo

Castelli, emergenza amianto sottovalutata

Tra le tante emergenze dei Castelli aggiungiamoci anche quella, sottovalutata se non ignorata, dell’amianto. Cassoni e lastre di amianto abbandonati nel territorio rurale di Lanuvio. Nella foto è ben evidenziato un cassone di amianto abbandonato in di via Valle Verta, vicino alle numerose abitazioni del popoloso quartiere lanuvino. E il Comitato Difesa del Territorio dei Castelli Romani interviene sull’argomento
con una lunga lettera aperta. ”A circa due mesi di distanza dall’avvio della campagna “Eternity: un amianto è per sempre”, proseguono le segnalazioni dei cittadini per l’abbandono illecito di amianto. Il 14 novembre abbiamo segnalato al Comune di Zagarolo la presenza di lastre di cemento amianto presenti Valle Martella dal lontano 2011. Il Comune ha provveduto alla rimozione nel mese di dicembre. Il 17 novembre, sempre con la collaborazione dei cittadini residenti, ci siamo spostati a Lanuvio, per segnalare lastre di cemento amianto in via del Bottino. Rimozione effettuata dall’Amministrazione. Il 18, sempre di novembre, è stata la volta di San Cesareo, con l’abbandono di un cassone in via Colle De Fora. Cassone che, ad oggi, continua a stazionare serafico nella medesima posizione. Con l’inizio del nuovo anno, siamo tornati a Lanuvio, questa volta in via Valle Verta, per la denuncia, effettuata il 2 gennaio, ancora una volta, di un cassone abbandonato». ”Siamo poi giunti fino a Cave – si legge ancora nel comunicato — con ben tre segnalazioni da parte dei cittadini, tutte correttamente inoltrate alle Amministrazioni il 12 gennaio. La prima in via Cesiano, la seconda in via Matteuzzo e la terza in via Spirito Santo. Questa la mappa aggiornata delle discariche abusive di amianto. Quanto ancora vogliamo vederla crescere? Quanto veleno ancora dovremo respirare? Quando impareremo un po’ di senso civico e il rispetto per l’ambiente? E quando verranno prese, al livello comunale, regionale e nazionale, delle misure che aiutino economicamente e burocraticamente i cittadini nel corretto smaltimento di questo materiale così pericoloso? ”

Ti potrebbero interessare anche:

Vogliono abbattere il suo ristorante, si incatena davanti al Quirinale
Il Papa resta nella casa Santa Marta, Ratzinger torna in Vaticano nel monastero Mater Ecclesiae
Quasi strappo nel Pd, la minoranza sfida Renzi: o ci ascolta o non votiamo la legge elettorale
STAMINA/ I malati, il ricorso al Tar è più importante del patteggiamento di Vannoni
Grecia, suicidi in aumento con le misure di austerità
ROMA/ Vigili corrotti e vip favoriti, 14 indagati per le multe annullate



wordpress stat