| categoria: Dall'interno, In breve

Cremona, scontri tra autonomi e Casa Pound, un ferito grave

Un militante cinquantenne del Centro sociale antagonista Dordoni di Cremona è ricoverato in prognosi riservata all’ospedale Maggiore cittadino, dove è tenuto sotto stretta osservazione per le lesioni riportate alla testa, dopo gli scontri avvenuti fuori dallo stadio con militanti di Casapound.
Prima del derby di calcio di Lega Pro fra Cremonese e Mantova, le autorità cittadine pensavano che potessero verificarsi scontri tra i tifosi delle due squadre, storicamente avversari. Protagonisti dei tafferugli sono stati invece tutti tifosi della Cremonese, divisi anche all’interno dello stadio Zini in due settori, uno occupato dai militanti del centro sociale Dordoni e l’altro da militanti di Casapound che in città ha una sede. Al termine della partita, verso le 18.30, i due gruppi si sono affrontati con spranghe e bastoni e il bilancio finale è di cinque feriti. Tra loro, un cinquantenne cremonese, autonomo che frequenta abitualmente il Centro sociale antagonista Dordoni, che ha riportato lesioni alla testa ed è ora ricoverato in prognosi riservata all’ospedale Maggiore.

Ti potrebbero interessare anche:

Auto pirata travolge dei ragazzi, muore un sedicenne. Due feriti
FOCUS/ La rotta di Alitalia, dal piano Fenice a Etihad
Progetto Menarini, Poggiolini torna in un'aula di tribunale
Moncler, riscattati 50 domini web in un solo mese
Autolesionismo, bullismo e web, è disagio dei teenager
Napoli, ucciso come un boss a 21 anni: vendetta per un debito non pagato



wordpress stat