| categoria: Dall'interno

Pescherecci fermati e rilasciati, contatti lampo Egitto-Italia

Poco più di 24 ore. Tanto è durato il fermo per controlli di due pescherecci siciliani, l’Alba chiara di Siracusa e il Jonathan di Riposto (Catania), anche se iscritto nel registro di Cagliari, con 13 persone complessivamente a bordo. Ad accelerare le pratiche per il rilascio i contatti avviati dalla Farnesina e la contemporanea presenza al Cairo, in visita ufficiale, del ministro per le Politiche agricole, Maurizio Martina. I controlli che hanno portato al fermo delle due imbarcazioni erano scattati mentre erano impegnate in una battuta per la cattura di pesce spada con ami di superficie a 40 miglia dalla costa egiziana. Una motovedetta ha avvicinato per prima, e raccontano alcuni testimoni speronata, l’Alba chiara. Successivamente gli stessi accertamenti sono stati eseguiti sul Jonathan. I due pescherecci sono stati obbligati a seguire i militari nel porto di Alessandria d’Egitto. Sono stati gli stessi comandanti, Raimondo Sudano e Pasqualino Condorelli, ad avvisare telefonicamente le famiglie. Hanno avuto il tempo di dire alle rispettive mogli: «state tranquilli stiamo bene, ma vi diano noi la notizia: ci hanno fermati», e poi la linea è caduta. Sono scattati i piani di intervento dalla Farnesina, che ha «seguito la vicenda con la massima attenzione, attraverso l’ambasciata italiana al Cairo». Preoccupati pescatori, armatori e familiari dei due equipaggi, composti da siciliani, egiziani e tunisini. Per la federazione armatori «la situazione nel mar Mediterraneo è diventata incontrollabile» e i rappresentanti regionale dei pescatori annunciano «un esposto per sequestro di persona e abuso di potere alle Procura competenti nei confronti delle autorità egiziane» visto che, spiegano, hanno «sequestrato tutto il pescato e danneggiato uno dei due pescherecci». L’Alba chiara e il Jonathan non rientreranno in Italia, continueranno per alcune settimane ancora la pesca in alto mare. Gli equipaggi hanno rassicurato i loro cari per telefono e resteranno nel Mediterraneo a cercare pescespada. Con loro non ci sarà Antonio Moscuzza, 50 anni, da 40 in mare, bloccato a casa dai postumi di un attacco febbrile, che sarebbe dovuto essere imbarcato sull’Alba chiara: «Mi spiace per i miei compagni di lavoro – dice mentre cerca notizie degli altri pescatori nella capitaneria di porto di Siracusa – certo meglio essere qui perché queste cose non si sa mai quanto durano e come vanno a finire». La soluzione questa volta è stata rapida. E il ministro Martina, per questo, «ringrazia innanzitutto l’ambasciatore Massari per il lavoro svolto su questo caso». «Al Cairo – osserva – abbiamo a lungo discusso durante i nostri colloqui con il ministro del commercio Fakhry Abdel Nour e con quello dell’Agricoltura e della Pesca Adel Tawfik El Beltagy e loro stessi si sono impegnati in prima persona per il rilascio dei pescherecci bloccati in Egitto. Ringraziamo inoltre il ministro della Difesa egiziano e il lavoro della Farnesina».

Ti potrebbero interessare anche:

Mafia: sequestrati più di tre milioni a clan palermitani
Venezia, nave da crociera "sfiora" il molo di San Marco
Droga negli ovetti di Pasqua, arrestato spacciatore in Brianza
Assolda killer per ex marito, lui illeso, lei in prigione
NAPOLI/ In ospedale per un'emorragia ma la tac è fuori uso: muore 41enne
Almaviva: licenziamenti illegittimi, reintegra per 153



wordpress stat