| categoria: politica

SALERNO/ De Luca, non mollo nulla, inizia la mia battaglia di civiltà

«Non ho intenzione di mollare nulla, da oggi comincia una grande battaglia di civiltà». Con queste parole il sindaco di Salerno Vincenzo De Luca commenta la condanna in primo grado a 1 anno di reclusione e interdizione ai pubblici uffici, sospesa, per abuso d’ufficio nel processo sul termovalorizzatore di Salerno. De Luca ricorda che «l’accusa verteva sulla nomina del Project manager da parte mia, in qualità di commissario di governo per un termovalorizzatore nel 2008. Tale nomina, come risulta dagli atti processuali, mi fu richiesta dal Rup (responsabile unico del procedimento). L’accusa ha sostenuto, come risulta dagli atti, che bisognava nominare un »coordinatore« e non un »Project manager«, in quanto quest’ultima figura non è in uso nella pubblica amministrazione. In sintesi, le due figure sono equivalenti, il compenso spettante è uguale, e viene deciso dal Rup. Si tratta, nel caso specifico, di 8mila euro netti, percepiti, come documentato, per 18 mesi di intenso e qualificato lavoro del Project manager».De Luca, candidato alle primarie del Pd in Campania, si augura «che questa vicenda sia assunta sul piano nazionale, in primo luogo dal Pd, come l’occasione per una grande battaglia a difesa delle persone perbene, degli amministratori che dedicano una vita al bene pubblico, e sono costretti a vivere un calvario» e che «le carte processuali siano rese pubbliche» così che «si sviluppi una discussione pubblica» e «che si ragioni a voce alta su cosa è diventato il »diritto« in Italia». «Mi auguro – prosegue De Luca – che l’Anci decida di esistere, a tutela della dignità, delle funzioni e dell’autonomia di sindaci e amministratori che non rubando, non disamministrando, e mantenendo un rigore spartano, sono tuttavia carne da macello, nell’indifferenza generale. In queste condizioni, ben presto non ci sarà più nessuna persona perbene disponibile ad assumere responsabilità pubbliche, avremo soltanto o delinquenti o ignavi». De Luca annuncia l’intenzione di verificare «lle iniziative da sviluppare nei prossimi giorni» e prospetta «una ripetizione della vicenda del sindaco di Napoli», concludendo con «un abbraccio a quanti hanno guardato e guardano a me come ad una speranza di rinnovamento della politica e di salvezza della Campania

Ti potrebbero interessare anche:

Renzi ancora allo scoperto: governo con Pdl o subito al voto. E i rottamatori affossano Prodi
Il premier da Napolitano, impegno su immigrazione e carceri
MOSE/ Galan, investigatori sequestrano cartella clinica in ospedale
CASO RUBY/ Il procuratore generale: Berlusconi diede ordine alla Questura di rilasciarla
Esodati, il ministro Poletti: soluzione definitiva nella legge di stabilità
NAPOLI/ Appalti rifiuti, la Procura chiede l’arresto del senatore De Siano (FI)



wordpress stat