| categoria: sanità Lazio, Senza categoria

VITERBO/ Stipendi bloccati a Villa Buon Respiro, San Raffaele bussa alla Regione

Ci risiamo, Villa Buon Respiro (Viterbo) è nuovamente in difficoltà. I ritardi nei pagamenti degli stipendi ai lavoratori di Villa Buon Respiro dipendono dalla sospensione delle anticipazione, da parte di Unicredit Factoring, dei crediti vantati dalla struttura sanitaria nei confronti della Regione Lazio. Lo scrive Carlo Trivelli, presidente del gruppo San Raffaele (proprietario della clinica riabilitativa di strada Filante), al presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, al capo di gabinetto Maurizio Venafro, al subcommissario per l’attuazione del piano di rientro del debito sanitario Giovanni Bissoni, al responsabile della cabina di regia per la sanità Alessio D’Amato e alla responsabile dell’area crediti sanitari Cinzia Bomboni. Insomma il Gruppo dirotta ogni responsabilità sulla Regione e chiede un intervento diretto. I cento dipendenti sono come altre volte strumento ed insieme oggetto di un braccio di ferro: il presidente del San Raffaele spa chiede un intervento urgente, da parte di Zingaretti e degli altri destinatari della missiva, “affinché si possa scongiurare ogni pregiudizievole conseguenza”.

Ti potrebbero interessare anche:

Il Parlamento si muove, arrivano commissioni speciali per esodati e debiti della P.A.
Sub-commissario e nuovi manager sotto l'albero?
MOSTRE/ Venezia prova format in Cina, tra cultura e "cassa"
Venezia, con un "app" in tempo reale i servizi della città
Berlusconi caduto nella trappola, ci mancavano la Merkel e l'olocausto. E l'Europa insorge
Grottesco, il commissario non si è ancora potuto insediare all'Israelitico



wordpress stat