| categoria: Roma e Lazio

Tassa di soggiorno, 150 hotel multati per averla evasa

«A Roma ci sono 7.448 strutture ricettive autorizzate. Di queste, più di 150 sono state multate per aver evaso il pagamento della tassa di soggiorno. Tra queste molte sono hotel di lusso. Inoltre dal 2010 sono state comminate sanzioni per 5mln di euro a strutture completamente abusive». Lo ha dichiarato Valentina Grippo presidente della commissione Turismo di roma Capitale, al termine dell’incontro avuto con i membri del dipartimento Turismo e del Comanda della polizia Locale proprio sulla tematica relativa alla tassa di soggiorno e all’abusivismo ricettivo. «Sono molto preoccupata – ha aggiunto la Grippo – dall’aver appreso che l’attuale normativa consenta ad un soggetto che evade cifre enormi, anche 200mln di euro, di pagare una multa irrisoria di 50 euro solo nel caso in cui venga scoperto e perseguito. Tale cifra è completamente sproporzionata a quella più congrua relativa ad altre illegalità come ad esempio quelle che prevedono multe pari a 666 euro per ogni posto letto in più non dichiarato nelle strutture ricettive. La Commissione ha tal proposito porterà in aula una proposta di modifica del regolamento che sanzioni in modo più incisivo l’evasione anche attraverso meccanismi di richiamo all’etica di impresa degli hotel che evadono e propone inoltre di destinare parte delle risorse provenienti dalla riscossione della tassa di soggiorno al potenziamento degli strumenti informatici e di pianificazione di cui dotare la task-orce anti-sommerso». «Anche alla luce di quanto detto in commissione – ha concluso la Grippo – siamo contrari all’aumento della tassa di soggiorno perché non riteniamo opportuno in questo momenti, penalizzare ulteriormente gli hotel a 5 stelle senza dare un effettivo beneficio agli hotel di fascia inferiore che si penserebbe di aiutare con la manovra. Quindi no all’aumento da 7 a 10 euro a notte della tassa di soggiorno». La commissione proseguirà nei prossimi giorni con le audizioni dell’assessore Scozzese e del relativo dipartimento delle Entrate e dell’assessore Marinelli. Dopo tali audizioni ci sarà il voto sulla proposta che la Giunta capitolina ha inserito nel bilancio.

Ti potrebbero interessare anche:

Pomarici-Belviso, così il Pdl spera di tornare in Campidoglio
INFRASTRUTTURE/Aracri-Palozzi (FI): sbloccare Orte-Civitavecchia
Primo maggio, Atac attacca per prima: revoca le ferie ai macchinisti per coprire i turni
LAZIO/ Bankitalia, in 2014 imprese +1,6%, fermi quelli alle famiglie
Trasporti nel caos tagliate 3.800 corse. Scontro Comune-Atac
Zingaretti e il partito dei sindaci laziali



wordpress stat