| categoria: politica

Italicum, il Senato approva con 184 sì, ora la legge elettorale torna alla Camera

Il Senato ha approvato la legge elettorale, che torna ora alla Camera. I sì sono stati 184, i no 66 e 2 gli astenuti. Lo scrutinio è avvenuto tra vivaci contestazioni di Lega, M5s e Sel, per il coordinamento formale al testo. Dopo una sospensione dei lavori di dieci minuti, alla ripresa dell’Aula la presidente Valeria Fedeli ha proposto un nuovo testo del coordinamento formale, modificato rispetto al precedente, anch’esso criticato dalle opposizioni.

L’obiezione è che il coordinamento introducesse modifiche sostanziali al testo, compresa quello di modificare un articolo del Testo Unico sulle leggi elettorali (il 68) che non era stato a sua volta cambiato dall’Italicum. Questo nuovo coordinamento è stato messo ai voti ed approvato dall’Assemblea. Si è quindi tenuto lo scrutinio finale per l’approvazione della legge elettorale in un clima di vivaci proteste di Lega, M5s e Sel.

«E due. Legge elettorale approvata anche al Senato. Il coraggio paga, le riforme vanno avanti». Così il premier Matteo Renzi commenta su Twitter il via libera all’Italicum in seconda lettura. E aggiunge l’hashtag «#lavoltabuona».

Ti potrebbero interessare anche:

Renzi: 'Non ci sono più alibi per nessuno, si cambia'
Pd: Giovani Turchi contro job act, ricetta Renzi insufficiente
Caos M5S, la trattativa divide. Di Maio sotto attacco
Renzi, lavorare di più per autunno di riforme e risposta alla Ue
Renzi, da 2016 canone ridotto e si pagherà in bolletta: da 113 a 100 euro
PA/ Cantone, in futuro decadenza per dirigenti condannati dalla Corte dei Conti



wordpress stat