| categoria: politica

Renzi consulta e stringe, verso la scelta di un politico. E domani vede il Cav

Un politico di esperienza. Niente tecnici o, scandisce Angelino Alfano, «novellini». I partiti di maggioranza e opposizione vengono ricevuti dalla delegazione Pd al Nazareno per inusuali «consultazioni» in vista delle votazioni per l’elezione del nuovo presidente della Repubblica. E chiedono a Matteo Renzi un nome che innanzitutto non sia esterno alla politica, traendone la convinzione – poi smentita da fonti Pd – che il premier concordi. Ma è ancora fitto di appuntamenti il percorso di avvicinamento alle votazioni: domani sono in programma assemblee di tutti i partiti, a partire dal Pd, e Silvio Berlusconi, che ha deciso di non partecipare con i suoi alle consultazioni, tornerà a vedere Renzi. Esulta intanto il presidente del Consiglio per l’approvazione al Senato in seconda lettura della legge elettorale. «Il coraggio paga, le riforme vanno avanti», rivendica con un messaggio su Twitter. Il passaggio non è indolore, perché ventiquattro senatori della minoranza Pd non partecipano al voto finale, per manifestare il loro dissenso rispetto al meccanismo dei 100 capilista bloccati dell’Italicum, che «farà prevalere i nominati». Anche alcuni senatori di FI escono dall’Aula, ma il partito di Berlusconi tiene fede al patto del Nazareno e vota la legge. I sì alla fine sono 184, i no 66 e 2 gli astenuti. Ma, con buona pace di chi si preparava già a chiedere una verifica di governo, i sì azzurri non risultano determinanti: per soli 3 voti di scarto, la maggioranza resta autosufficiente. E non si registrano problemi neanche alla Camera, dove procede il cammino della riforma costituzionale. Ma dove le votazioni vanno tanto a rilento che difficilmente si concluderà l’esame degli emendamenti prima della pausa per il Colle. Proprio in vista dell’inizio delle votazioni per il nuovo capo dello Stato, giovedì alle 15, sulla scena politica torna il rito delle ‘consultazioni’, ma in salsa Nazareno. Nella sede del Pd dalle 9.30 fanno ingresso le rappresentanze di tutti i partiti: c’è persino il moderato di area dem Giacomo Portas, che conta un solo grande elettore, lui stesso. E anche se mancano i 5 Stelle, che hanno rifiutato con sdegno l’invito, a sorpresa debuttano al Nazareno gli ex grillini, gli ultimi ad essere ricevuti, alle 21, dopo che altri dieci parlamentari in mattinata avevano annunciato l’uscita dal gruppo. La delegazione Pd, guidata da Renzi e composta da Guerini, Serracchiani, Speranza, Zanda e Orfini, annota la richiesta quasi unanime, tra i partiti della maggioranza, di un nome politico. «Serve una figura di alto profilo», dice il ministro Stefania Giannini a nome dei centristi di Sc-PI-Cd. «Un politico non divisivo», afferma Pino Pisicchio, a nome del Misto. E Angelino Alfano dichiara che «non è il momento per un tecnico». Il ministro dell’Interno aggiunge che Area popolare, come il Pd, voterà scheda bianca nei primi tre scrutini per il Quirinale, puntando «all’ace – dice con metafora tennistica – al quarto e cercando di evitare il doppio fallo nel quinto». I più critici sono – e non è una sorpresa – il leghista Matteo Salvini («Drammaticamente non ci hanno fatto nomi») e la leader di Fdi Giorgia Meloni («Renzi vuole imporsi»), che domani lanceranno una candidatura congiunta di centrodestra per il Colle. Tutti altri toni invece da Forza Italia, che dice di condividere l’obiettivo del premier di fare «presto» e invoca come candidato un «arbitro imparziale, non giocatore». Berlusconi, dopo aver incontrato a Palazzo Grazioli i vertici del partito, decide invece di non varcare la soglia del Nazareno: a una settimana dall’incontro sulla legge elettorale tornerà domani all’ora di pranzo a Palazzo Chigi per un faccia a faccia con Renzi. E non è escluso che, dopo aver rivisto in mattinata i gruppi Pd, il segretario-premier in giornata incontri Pier Luigi Bersani. Tra i papabili continuano ad annoverarsi Mattarella e Finocchiaro, Amato, Fassino, Veltroni. Ma anche, seppur in forte discesa, Pier Carlo Padoan, che glissa le domande: «Sono il ministro dell’Economia, ho tanto da fare».

Ti potrebbero interessare anche:

M5S/ Mail della Lombardi: nel movimento "Spie di merda"
Giallo sulla grazia al Cavaliere. Per Dell'Utri c'è. Il Colle: falso
IL PUNTO/ Legge elettorale, i punti critici della riforma
EUROPEE/ No stop sulle liste, spuntano per Fi i nomi di Cecchi Paone e Ceccacchi Rubino
DIETRO I FATTI/ Quello scheletro nell'armadio di Matteo
Berlusconi lancia una squadra di nuovi volti tv, saranno le riserve dei big



wordpress stat