| categoria: politica

Timing per il Colle, domani alle 15 il primo voto

A due settimane dalle dimissioni di Giorgio Napolitano, si svolgerà domani dalle 15 la prima votazione per l’elezione del nuovo presidente della Repubblica. I 1009 grandi elettori depositeranno per la prima volta nell’urna allestita nell’Aula di Montecitorio, la scheda con il nome del loro candidato. Poco prima, alle 13, Matteo Renzi riunirà l’assemblea dei deputati, senatori e delegati regionali del Pd per decidere come votare. E nelle stesse ore, dalle 8 alle 14, i 5 Stelle sceglieranno il loro candidato con le «Quirinarie» on-line, sul blog di Beppe Grillo. Solo a ridosso del voto, dunque, si conosceranno le indicazioni di tutti i partiti. Ma se, come probabile, Partito democratico, Forza Italia e Area popolare confermeranno la decisione di lasciare la scheda in bianco nelle prime votazioni, lo scrutinio decisivo non dovrebbe arrivare prima di sabato. Il primo voto di domani, così come il secondo e il terzo che dovrebbero svolgersi venerdì, richiedono infatti una maggioranza di due terzi dei grandi elettori, un risultato molto difficile da raggiungere. Sabato mattina, invece, al quarto scrutinio sarà sufficiente la maggioranza assoluta e dunque potrebbe arrivare la fumata bianca. Se però allora nessun candidato raggiungerà i 505 voti necessari, una nuova votazione potrebbe svolgersi sabato pomeriggio. Se neanche il quinto tentativo fosse risolutivo, si potrebbe andare avanti anche la domenica. Ma non è esclusa neanche una pausa di riflessione per favorire l’accordo su un nome e una ripresa del voto lunedì 2 febbraio. Un timing che però potrebbe essere «stravolto» nel caso in cui fosse accettata la richiesta del Pd di svolgere venerdì tre votazioni. Richiesta già inviata alle presidenti delle Camere anche se la valutazione finale sarà fatta solo domani. Prima e dopo l’apertura delle urne si annunciano comunque ancora molto intensi gli incontri e i colloqui per trovare un accordo sul nome. Domani Renzi dovrebbe rivedere Silvio Berlusconi. E di sicuro alle 13 riunirà i grandi elettori Dem nella sala convegni Roma Eventi di via Alibert, nel centro della capitale. In vista della seduta congiunta convocata alle 15, intanto, domattina alle 10.30 si riuniranno a Montecitorio l’ufficio di presidenza della Camera e il consiglio di presidenza del Senato. Poi alle 12 si svolgerà una conferenza congiunta dei capigruppo dei due rami del Parlamento

Ti potrebbero interessare anche:

Pdl, pressing dei "falchi" per la riorganizzazione del partito
Grillo: "Bersani fu mandato al macello. Ho prove. Renzi spietato"
Alfano, stop ai saccheggi o divieto di accesso al centro di Roma
PA/ Stipendi statali bloccati per un altro anno. E se lo stop si allungasse a fine 2017?
Berlusconi: se vince il no pronti a un governo di unità nazionale
Clandestini, l'Italia prepara la stretta. Minniti: «Sì integrazione, ma irregolari fuori»



wordpress stat