| categoria: In breve

AIDEPI-DOXA/ Sette milioni di italiani saltano la colazione

La fretta, che caratterizza la vita contemporanea, continua a essere la vera nemica della prima colazione degli anni duemila: sono ben 7 milioni gli italiani, cosiddetti «breakfast skipper», che saltano il primo fondamentale pasto della giornata. Lo sottolinea un’ indagine Aidepi/Doxa. Ma sono comunque 35 milioni gli italiani che fanno colazione praticamente tutti i giorni a casa propria, concedendo il giusto tempo a questo momento (più di un quarto d’ora), possibilmente in compagnia di amici o familiari, con un occhio attento ai prodotti salutistici (li consumano il 44% degli italiani), mangiando sempre qualcosa (non solo un caffè) e concedendosi il più spesso possibile anche un po’ di frutta fresca. Insomma un vero e proprio ‘rito’ – sottolinea l’indagine – che, a dispetto dei frenetici ritmi di vita a cui siamo sottoposti, riunisce ogni giorno 1 famiglia su 3 al completo. E dove la tradizione continua a rappresentare il filo conduttore, tanto che 8 volte su 10 figli e genitori mangiano gli stessi prodotti e perfino le stesse marche. «La nostra cultura, in fatto di gastronomia, è molto sensibile ai sapori della memoria – afferma il professor Marino Niola dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli – Ci aiuta e ci tranquillizza il fatto di ritrovare sulla tavola della prima colazione i sapori della tradizione. Una volta il pane era un elemento fondamentale della colazione, lo è stato storicamente per secoli. Oggi è affiancato da prodotti da forno, fette biscottate, biscotti, cornetti, pancarré». Saldamente al primo posto troviamo i biscotti, scelti da 6 italiani su 10 (58%), seguiti da pane e/o fette biscottate, con o senza marmellata, miele e creme spalmabili alla nocciola o al cacao (19%). A seguire, più o meno a pari merito (tra il 7% e l’9% dei consensi), 3 gruppi di alimenti: cereali/muesli; merendine/brioches/ cornetti confezionati e yogurt. Tra le bevande cresce (14%) il peso del tè, accanto ai più tradizionali latte (35%), caffè (33%) e caffellatte/cappuccino (28%).

Ti potrebbero interessare anche:

Generali, Bollorè lascia la vice presidenza e il cda
ROMA/ A giudizio ex consigliere comunale Orsi per riciclaggio
FIAT/ Amministratori di Termini Imerese "occupano" il Ministero: 'Chiediamo garanzie al go...
Giustiziati dall'Isis cameraman iracheno e altre 3 persone
Prete suicida in parrocchia a Livorno
Omicidio nel Tarantino, pregiudicato 48enne crivellato di colpi nella sua Smart



wordpress stat