| categoria: Dall'interno

MALTEMPO/ Bufera di neve sulla A1, ritardi a Fiumicino, feriti

Vento forte, acqua alta a Venezia (il massimo di marea ha toccato i 113 centimetri), neve in molte località, anche in pianura, e preallerta neve a Roma, dove due persone sono state ferite a causa di rami caduti, maltempo e vento forte al centro sud. Questo il quadro del maltempo in Italia e la situazione non migliorerà: la perturbazione atlantica porterà ancora maltempo nelle prossime ore, in particolare sulle regioni centrali e meridionali. Molte le situazioni critiche in tutta Italia. Una frana, in provincia di Pescara, ha interessato le abitazioni di 9 famiglie. Bufera e temperature in calo in Piemonte. Collegamenti a singhiozzo con l’Elba. La neve al centro ha colpito Toscana e Umbria e sull’A1 Milano-Napoli, all’altezza di Arezzo, si è verificata una bufera di neve del tutto inattesa e di eccezionale intensità. Il tratto autostradale è stato chiuso per circa un’ora e mezza nel tratto compreso tra Valdarno e Valdichiana in entrambe le direzioni. Alberi e rami divelti dalla furia del vento in numerose zone di Capri; il fiume Sarno è esondato in più punti. Protagonista di seri disagi soprattutto il forte vento che ha spazzato il centro-sud. Alberi sradicati a Capri, golfo di Napoli impraticabile per i traghetti: interrotti i collegamenti marittimi tra Napoli e le isole del golfo. Difficili i collegamenti tra la costa Toscana e l’Elba. Le raffiche hanno abbattuto un palo della luce a Corigliano Calabro in provincia di Cosenza ferendo un Carabiniere di 75 anni in pensione. Tragedia sfiorata a Giugliano, nel Napoletano, dove la maestra di una scuola elementare è stata colpita da un albero che è caduto a causa del forte vento. Burrasca sulle Alpi piemontesi con folate da 135km/h. Colpite dal forte vento anche l’Umbria e molte zone dell’Abruzzo. Sul litorale di Pescara le raffiche sono arrivate a oltre 100km/h e il vento all’Aquila ha reso necessaria la chiusura della funivia per Campo Imperatore dove tutte le piste sono off limits. All’ aeroporto di Roma Fiumicino il vento a 60km/h ha provocato ritardi sui voli. Sul fronte neve, precipitazioni sui rilievi del nord ma anche disagi a quote basse come in Toscana ad Arezzo e nel Chianti. Ad Arezzo e Siena le scuole, domani, resteranno chiuse. Forte nevicata a Perugia. Anche i fiumi sono sorvegliati speciali, specialmente in Toscana e in Abruzzo a causa dello scioglimento repentino della neve per le temperature più miti. Tre nuclei familiari sono stati evacuati per precauzione ad Altavilla Irpina (Avellino) a causa dell’esondazione del torrente Avellola, un affluente del fiume Sabato. Anche in Basilicata i fiumi hanno superato il livello di guardia, e alcune scuole domani resteranno chiuse. Il Dipartimento della Protezione Civile ha dunque emesso una allerta meteo che prevede, dal pomeriggio di oggi, nevicate fino ai 300-500 metri su Umbria, Abruzzo, Molise e settori orientali del Lazio, con apporti al suolo generalmente moderati, e fino ai 500-700 metri sui restanti rilievi del Lazio. Nel corso della mattinata di domani la quota neve tornerà al di sopra dei 700-1000 metri, mentre sulla Toscana si prevedono nevicate al di sopra dei 400-700 metri. Proseguiranno, inoltre, piogge e temporali, localmente anche molto intensi e accompagnati da forti raffiche di vento, su Sardegna, Basilicata, Calabria, Campania e Sicilia.

Ti potrebbero interessare anche:

Autovelox senza gara, indagata la giunta Forli-Cesena
Lacrime e applausi per Ciro a Napoli, oggi i funerali a Secondigliano
Sindacati in piazza contro la "buona scuola"
"Sesso nella sede della Regione Basilicata"? Una escort imbarazza i dipendenti
Atti sessuali con una minorenne, arrestato il prof di Riccione
1 maggio: in viaggio 4 italiani su 10, tra arte e mare



wordpress stat