| categoria: sport

Perotti gela la Lazio, Genoa ancora bestia nera

Otto vittorie nelle ultime otto partite contro la Lazio. Il Genoa si conferma bestia nera della formazione biancoceleste che non vince contro i rossoblù dal 14 maggio 2011, in quell’ormai celebre 4-2 finito sotto la lente dell’inchiesta sul calcioscommesse della Procura di Cremona che ha accusato il capitano laziale Stefano Mauri di associazione a delinquere. Ad indirizzare il match in favore degli ospiti è l’atterramento in area nel primo tempo di Niang da parte di Marchetti che viene espulso e procura il rigore realizzato da Perotti per il vantaggio genoano. Finisce così 1-0 per i liguri in un Olimpico congelato e semideserto: per Candreva e compagni si allontana la zona Champions (a -8 punti dal terzo posto del Napoli), mentre la formazione di Gasperini può continuare a sognare il ritorno in Europa. Passano solo cinque minuti dall’inizio del match e la Lazio va vicina al gol due volte: prima con Biglia su punizione, Perin smorza la palla che va sul palo, e poi con Candreva che da pochi passi si fa parare un potente tiro sul primo palo. Al 13′ si fa vedere anche il Genoa con una pericolosa punizione di Niang e subito dopo Mauri viene ammonito per fallo di mano. Si va avanti senza tante emozioni fino al 27′ quando la partita cambia in favore del Genoa: Perotti, che si era già fatto notare per la sua mobilità, imbecca Niang che si invola tutto solo verso la porta, e Marchetti non può far altro che travolgerlo. È calcio di rigore ed espulsione per il portiere biancoceleste. Perotti trasforma il penalty battendo il nuovo entrato Berisha al posto di Cataldi. La Lazio in 10 non riesce a reagire e si va al riposo sull’1-0 per il Genoa. Al ritorno in campo Pioli sostituisce Candreva con Felipe Anderson (che mancava all’appello da quasi un mese per infortunio), mentre il Genoa in superiorità numerica appare padrone del campo e con Falque Silva va subito ad un passo da raddoppio per due volte consecutive. La Lazio rischia grosso, ma resta a galla e riesce a scuotersi con Mauri, migliore in campo per i biancocelesti, che sfiora l’1-1 prendendo il palo. Il capitano laziale ci riprova dopo un pò con una bella rovesciata ma niente da fare. Il Genoa controlla bene la partita lasciando pochi spazi alla Lazio e facendosi più volte pericoloso in contropiede. C’è ancora tempo per vedere un gol annullato al Genoa per fuorigioco di Lestienne e i rossoblù possono festeggiare una vittoria che, oltre a confermarli vera bestia nera dei biancocelesti, li lancia a quota 32 punti al settimo posto con l’Europa League ad un passo. Per la Lazio, ora sesta a 34 e al secondo ko consecutivo (l’ottavo stagionale), la Champions è davvero molto lontana.

Ti potrebbero interessare anche:

Lazio lanciatissima rimonta il Cagliari (2-1) ed è seconda
TENNIS/ Djokovic giù dal trono, Nadal torna numero uno
CALCIO/ Serie A, Napoli cinico al Bentegodi: 3 a 0 al Verona
Berlusconi furioso striglia il MIlan: se giocate così non vi pago. E fatemi pure causa
BASKET IN CARROZZINA/ S.Lucia si arrende, scudetto al Briantea Cantù sul filo di lana
LA FRANCIA È UN'ALTRA COSA, PRIMO KO ITALIA DI MANCINI



wordpress stat