| categoria: esteri

Grecia, nessun accordo con Eurogruppo ma il confronto continua

Il confronto tra governo greco e rappresentati del’Eurogruppo sulla crisi del debito di Atene si è concluso, a Bruxelles, con un nulla di fatto. Sette ore di colloqui non sono stati sufficienti, ma da più parti sono arrivati messaggi di speranza in vista del nuovo incontro fissato per lunedì. A cinque anni dall’avvio dela prima operazione “salva-Gerecia” da parte della Ue, la distanza tra le parti è ancora significativa, dato che non c’è stata intesa neanche su un testo comune da diffondere al termine della riunione. Nonostante il presidente del’Eurogruppo Jeroen Dijsselbloem abbia fatto riferimento ai “progessi” fatti nel corso del confronto, Atene continua a chiedere una sostanziale revisione dell’accordo di salvataggio, proponendo un’alternativa basata su un radicale piano di riforme, mentre i creditori europei, in testa la Germania, spingono per una rigida attuazione del piano di austerità elaborato dalla Troika.
Dijsselbloem ha spiegato che al momento il negoziato non è ancora entrato nei dettagli, ma non ci sono stati progressi sufficienti per giungere a “conclusioni condivise”.
Per il ministro delle Finanze greco Yanis Varoufakis si è trattato di “una buona discussione”, ma secondo quanto riportato da alcune agenzie internazionali il suo governo ha rifiutato l’ipotesi di estendere nel tempo l’attuale accordo di salvataggio. L’ipotesi avanzata da Atene sembra essere quella di un accordo ponte in attesa di raggiungere un’intesa sul medio termine con i creditori europei. La Grecia chiede tempo fino alla fine di agosto per giungere ad una nuova intesa più vantaggiosa, ma i margini di trattativa sembrano essere modesti. L’Europa sembra essere disposta a concedere qualcosa, ma non abbastanza per il governo greco che lavora alla ricerca di alternative per rifinanziare il proprio debito. Non è un caso che il ministro degli Esteri Nokos Kotzias si sia recato in Russia per la sua prima visita ufficiale fiorni dal continente, e che la posizione dell’esecutivo ellenico sulla questione ucraina sia la più “filo-russa” d’Europa.

Ti potrebbero interessare anche:

Disgelo Usa-Cuba, Fidel Castro rompe il silenzio: "Raùl ha fatto bene, ma non mi fido"
Tsipras alla Merkel, senza aiuti impossibile pagare i debiti
Immigrati, l'Ungheria sceglie la linea dura: «Il problema è della Germania»
CASTRO/ Repubblicani attaccano, Obama non vada ai funerali
Brasile, cadavere in auto bruciata: è quello dell'ambasciatore greco scomparso ?
Coronavirus, positivi 93 marinai a bordo portaerei americana Roosevelt



wordpress stat