| categoria: sport

El Kaddouri non basta al Torino, buon pari con il Cagliari

Rallenta contro il Cagliari la corsa del Torino, fermato sull’1-1 dopo quattro vittorie consecutive. Di Donsah la rete che illude i sardi, ma il vantaggio dura appena 50′: palla al centro e pareggio di El Kaddouri. Poi ci pensano i guantoni di Brkic a chiudere la porta del Cagliari e a blindare dopo due sconfitte un punticino, prezioso per il morale ma inutile per abbandonare il terzultimo posto della classifica. All’Olimpico va in scena una partita equilibrata, a tratti piacevole, con i padroni di casa che fanno la partita e il Cagliari che si difende con ordine e ribatte colpo su colpo. Ventura manda in campo dall’inizio la stessa formazione che una settimana fa ha strapazzato il Verona, con la sola eccezione di El Kaddouri al posto del febbricitante Farnerud. Mescola invece le carte Gianfranco Zola, allievo del tecnico del Torino nell’ultima stagione da calciatore, che con il tridente Sau-Cossu-Cop imbriglia il giro palla tipico dei granata, togliendo fiato e idee alla difesa. Ci prova il Torino in un paio di occasioni, ma il tiro di Benassi dalla distanza (13′ pt) e il colpo di testa di Martinez (18′ pt) finiscono abbondantemente a lato. Al 28′ inizia lo show del portiere isolano, che di un soffio anticipa in angolo Glik sulla punizione dalla sinistra di Bovo. Al 34′ la bella combinazione tra Sau e Donsah, tra i migliori dei rossoblù, che non ci pensa due volte a tirare dal limite, bucando l’estremo difensore granata Padelli sul suo palo. Il vantaggio è di quelli che rischiano di tagliare le gambe all’avversario. E invece la squadra di Ventura, che giovedì torna in Europa League per l’andata dei sedicesimi di finale contro gli spagnoli del Bilbao, riporta subito in parità il risultato grazie al secondo gol in altrettante partite del belga-marocchino. Le occasioni migliori, per entrambe le squadre, arrivano nel corso di un secondo tempo bello e vivace. Il Toro cerca il pokerissimo di vittorie, il Cagliari prova il colpaccio in contropiede. I padroni di casa vanno vicinissimi al gol con Darmian (17′ st) e con Quagliarella (26′), assistito nella ripresa da Maxi Lopez al posto di uno spento Martinez. In entrambi i casi Brkic ci mette la pezza e lascia aperta la partita, che termina con le due squadre molto lunghe e senza più energie.

Ti potrebbero interessare anche:

VOLLEY WORLD LEAGUE/ Argentina battuta 3-1, Italia in semifinale
Missione compiuta, Kakà è di nuovo rossonero
CALCIOMERCATO/ Milan-Destro, l'accordo c'è Samp scatenata
BOLOGNA/ Polemiche dopo il diluvio, battibecco Donadoni-Garcia
COPPA ITALIA/ Un calcio di rigore sveglia l'Alessandria dal sogno. Passa il Milan
Italia, "atto irriguardoso": Pellè escluso dalla nazionale



wordpress stat