| categoria: sport

Serie B: Carpi e Bologna rallentano

Il Carpi infila contro lo Spezia il secondo 0-0 di fila e rallenta la propria fuga in vetta alla classifica. Della frenata della capolista non approfitta il Bologna che, con identico punteggio (0-0), è bloccato al Dall’Ara dalla Ternana. Un pari che fa felice il Livorno che, grazie al successo di misura (0-1) a Varese, risale a -2 dal 2° posto. Bene anche l’Avellino, che travolge 3-0 il Frosinone nello scontro diretto, e il Vicenza che consolida la propria posizione in zona play-off passando (0-1) a Bari. Il Lanciano piega per 2-0 il Brescia e si riporta in 7/a posizione. Male il Pescara, che cade nel finale (2-0) a Latina, e la Pro Vercelli, che si fa sorprendere in casa (0-1) dal Cittadella. Infine il Trapani non va oltre l’1-1 a Chiavari con l’Entella. Nell’anticipo, bel successo (2-0) del Perugia sul Modena. Chiuderà il programma, lunedì sera, Catania-Crotone.

CARPI-SPEZIA 0-0
Non basta un gran secondo tempo al Carpi per superare lo Spezia. Gara da due volti al Cabassi. Nella prima frazione dominano i liguri che non riescono, però, a concretizzare tre ottime occasioni con Nenè (2) e De Las Cuevas. La capolista si sveglia nella ripresa e mette alle corde gli ospiti sfiorando il bersaglio con Letizia, Inglese, Bianco e Pasciuti che centra in pieno un palo. La migliore delle occasioni per sbloccare lo 0-0 la squadra di Castori l’ha, però, proprio nel finale. All’87’ l’arbitro Fabbri giudica da rigore un fallo assai dubbio di Valentini su Di Gaudio e consente a Inglese di andare dal dischetto. L’attaccante biancorosso, però, non è freddo e si fa deviare in angolo da Chichizola la conclusione dagli 11 metri.
BOLOGNA-TERNANA 0-0
Un brutto Bologna non va oltre lo 0-0 con la Ternana e sciupa l’occasione di ridurre le distanze dalla vetta. Macchinosi e prevedibili, i felsinei si rendono pericolosi solo in una circostanza in tutto l’incontro, con Cacia nel primo tempo. Molto meglio gli umbri che, dopo aver chiuso ottimamente tutti gli spazi, vanno anche vicinissimi per tre volte al vantaggio con Gavazzi e Avenatti (2).

VARESE-LIVORNO 0-1
Con il minimo sforzo il Livorno espugna Varese e torna a sognare la promozione diretta. Dopo un’occasione per parte nel primo tempo (Vantaggiato e Zecchin), i labronici alzano i ritmi e trovano il gol vittoria al 57′ con Siligardi che si accentra dalla destra e, dopo aver saltato due uomini, batte Jakimovski con un preciso sinistro da fuori area. La reazione del Varese è sterile e per gli uomini di Gelain è un gioco da ragazzi condurre in porto la vittoria. Il Livorno ha chiuso la gara in 10 per l’espulsione al 92′ di Gonnelli per somma di ammonizioni.
AVELLINO-FROSINONE 3-0
L’Avellino vince lo scontro diretto con il Frosinone e si porta a -3 dal 2° posto. Gli irpini passano al primo affondo: Russo atterra in area Mokulu e induce l’arbitro Nasca a decretare il rigore che Trotta trasforma (5′). I laziali reagiscono con rabbia ma non riescono a pareggiare con Carlini, Russo e Soddimo. Passata la buriana, l’Avellino riprende in mano le redini dell’incontro e dopo aver sfiorato il raddoppio con Ely, Sbaffo, Bittante e Mokulu, chiude i conti con D’Angelo (51′) bravo ad approfittare di uno scivolone di Pamic su un lancio filtrante di Trotta e a battere Pigliacelli con un bel tocco d’esterno destro a fil di palo. Il Frosinone alza bandiera bianca e, all’84’, incassa anche il 3-0 dal subentrato Castaldo che infila la porta con un pregevole destro parabolico di controbalzo da 25 mt.

BARI-VICENZA 0-1
Il Vicenza si conferma sorpresa del campionato andando a vincere anche a Bari. Dopo un’occasione per parte (Caputo e Petagna), a rompere gli equilibri pensa al 73′ Petagna con un perfetto colpo di testa su cross dalla sinistra di D’Elia. Il Bari reagisce con rabbia ma non riesce a evitare la sconfitta con Boateng e Bellomo.

VIRTUS LANCIANO-BRESCIA 2-0
Il Lanciano torna alla vittoria a spese del Brescia e rimette piede in zona play-off. Dopo un primo tempo equilibrato, con un’occasione per parte (Monachello e Caracciolo), i frentani cambiano passo e sbloccano il risultato (53′) con lo stesso Monachello, lesto a riprendere una corta respinta di Arcari su colpo di testa di Troest. Il Brescia accusa il colpo e, al 64′, incassa il colpo del ko da Thiam che, lanciato in area da Di Cecco, batte facilmente di destro Arcari in uscita.

LATINA-PESCARA 2-0
Con una doppietta nel finale di Viviani, il Latina piega il Pescara e incamera tre punti vitali in chiave salvezza. I laziali dominano nella prima mezz’ora ma sciupano occasioni a ripetizione con Crimi, Valiani, Paolucci e Viviani (2). Il Pescara ringrazia e per due volte va vicinissimo al vantaggio con Melchiorri che prima manda un destro di poco a lato e poi, al 40′, si procura (fallo di Dellafiore) il rigore del possibile 0-1, spedito malamente a lato, a Di Gennaro spiazzato, da Memushaj. Il Latina si rinfranca e, dopo aver fallito altre tre ghiotte occasioni con Litteri (2) e Sowe, passa (82′): l’1-0 lo firma Viviani che trasforma un rigore concesso dall’arbitro Roca per un fallo di mano di Pucino (espulso per somma di ammonizioni) su un tiro di Valiani. Galvanizzati, i nerazzurri insistono e, dopo aver sfiorato ancora il bersaglio con Viviani (traversa) e Valiani, chiudono i conti con lo scatenato Viviani che, in pieno recupero (91′), riprende una corta respinta della difesa biancoceleste e batte di nuovo Fioreillo con un gran destro di controbalzo da fuori area.

PRO VERCELLI-CITTADELLA 0-1
La Pro Vercelli scivola in casa con il Cittadella e manca l’occasione di restare agganciata al treno play-off. A risolvere la sfida, dopo un’ora da sbadigli, pensa Stanco che infila l’angolo più lontano con un pregevole sinistro a giro dal limite. La Pro sfiora il pari con Luppi e Musacci poi, però, nel finale, dopo essere rimasta in 10 per l’espulsione di Scaglia (95′) per fallo da ultimo uomo ai danni di Kupisz, rischia anche il raddoppio su una conclusione su punizione di Benedetti.

VIRTUS ENTELLA-TRAPANI 1-1
Il Trapani non va oltre l’1-1 a Chiavari e si allontana dalla zona play-off. L’Entella manca l’1-0 con Cesar e Costa Ferreira e al 25′ viene punito da Abate
che conclude una bella azione personale in area sulla sinistra con un preciso destro sul secondo palo. I liguri si rimboccano le maniche e, dopo aver sfiorato il bersaglio con Bellocchio, pareggiano al 52′ con un bel destro da fuori di Cutolo, lesto a riprendere una corta respinta della difesa granata. Sulle ali dell’entusiasmo l’Entella sfiora subito dopo il vantaggio con Costa Ferreira poi, però, subisce il ritorno degli ospiti che vanno vicinissimi all’1-2 con Basso e Nadarevic.

Ti potrebbero interessare anche:

Roland Garros, Errani sfida Serena Williams
L'Argentina passa all'Olimpico, Italia battuta 19-14
Il Milan non regge, Juve senza ostacoli. Finisce 3-1
Giro: subito choc doping, sospesi due italiani
CHAMPIONS/ La Juve affonda il Monaco e si prenota per Cardiff
Euro U21: Italia-Belgio 3-1, qualificazione in bilico



wordpress stat