| categoria: primo piano, Senza categoria

L’Egitto fa sul serio, altri sette raid sull’Isis, decine di morti

Altri sette raid con “decine di morti” sono stati compiuti dall’aviazione egiziana contro postazioni “roccaforti” dell’Isis a Derna, città nell’est della Libia, nella notte scorsa. Lo segnalano media egiziani citando fonti ufficiali libiche. Il presidente egiziano Abdel Fattah al Sisi “si è appellato al Consiglio di sicurezza” dell’Onu “ad adottare una risoluzione” per un “intervento internazionale in Libia”. Lo riporta in esclusiva il sito del quotidiano governativo egiziano Al-Ahram.

Dopo quello della notte scorsa (verso le 4 ora italiana) nuovi raid egiziani hanno colpito in Libia obiettivi dell’Isis, in risposta all’uccisione dei 21 egiziani copti. Nell’incursione di metà mattinata, il portavoce del Comando dell’aviazione libico ha precisato che sono state prese di mira postazioni dei militanti dello Stato islamico e di Ansar al Sharia a Derna.

I raid aerei egiziani hanno colpito diversi obiettivi tra cui accampamenti dell’Isis a Derna, la città dell’est della Libia dove lo Stato islamico ha creato un “Califfato”, Bengasi e Sirte. L’Esercito libico ha fatto sapere che nei raid su Derna e Sirte sono stati uccisi 64 combattenti dell’Isis, tra cui “tre dei loro leader”. I feriti sono “decine”. Lo riferisce il sito del quotidiano egiziano Al Ahram.

“Almeno 35 cittadini egiziani” sono stati rapiti in Libia dopo l’inizio dei raid del Cairo “in zone controllate dall’Isis e da Anbsar al Sharia”: lo riferisce Libya Herald. I sequestrati sarebbero in gran parte lavoratori del settore agricolo .Il presidente della Repubblica francese, Francois Hollande, ha sottolineato – in una telefonata con l’omologo egiziano Abdel Fattah al-Sisi – “l’importanza che il Consiglio di sicurezza si riunisca e che la comunità internazionale decida nuove misure”. Hollande ha espresso la sua solidarietà a Sisi dopo l’uccisione di 21 egiziani in Libia.Il ministero degli Esteri egiziano ha chiesto alla comunità internazionale di assumersi le “proprie responsabilità” e di prendere “misure contro le postazioni” dell’Isis e delle altre formazioni terroristiche in Libia” che “rappresentano una minaccia chiara per la sicurezza e la pace internazionali”.

Ti potrebbero interessare anche:

Storica telefonata storica tra Obama e Rohani
Bimbo di cinque anni cade dalla balaustra nel centro commerciale, è grave al San Camillo
M5S, querela contro Rizzo e Corsera: ci infanga
Sfratti, da Roma, Milano e Napoli appello per una proroga del blocco
Legionella nei rubinetti Acea? La faccenda finisce in Procura
L'inferno di Genova, 35 morti e dieci dispersi, 440 sfollati. Il ponte verrà demolito



wordpress stat