| categoria: Dall'interno

Detenuto si uccide in carcere. Alcuni agenti esultano su Facebook

Un uomo si suicida nel carcere di Opera. E gli agenti di Polizia penitenziaria – come rivela Repubblica.it – si esibiscono in un diluvio di commenti di questo genere: “Meno uno”. “Un rumeno in meno”, “mi chiedo cosa aspettino gli altri a seguirne l’esempio”. L’ultima vergogna italiana è qui, in un gruppo Facebook di un sindacato di agenti, l’Alsippe, dove nelle ultime ore si è scatenata una caccia all’uomo che rischia di avere gravi conseguenze. Il ministro della giustizia Andrea Orlando ha convocato il capo del Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria, Santi Consolo, per chiarimenti su commenti definiti “intollerabili”. L’incontro servirà, tra l’altro, per acquisire “elementi sull’inchiesta interna avviata e per valutare i provvedimenti da adottare”. Il ministro convocherà nei prossimi giorni anche le sigle sindacali della polizia penitenziaria per discutere dell’accaduto e “di come evitare che simili inqualificabili comportamenti possano ripetersi”.

Il sindacato Alsippe ha deciso di cancellare i commenti incriminati dalla propria pagina Facebook sottolineando di non condividerli. “Non è nostra abitudine censurare i commenti dei nostri followers pubblicati sul nostro profilo di Facebook”, si legge sulla pagina social del sindacato, dove si spiega che la decisione è maturata considerando che le frasi “hanno ingenerato una strumentalizzazione tale da comportare un possibile danno di immagine al Corpo di Polizia penitenziaria”.

Il caso nasce tre giorni fa, con la notizia del suicidio dell’uomo: 39 anni, Ioan Gabriel Barbuta, romeno, era detenuto nel carcere di Opera dopo essere stato condannato all’ergastolo nel giugno del 2013 per l’omicidio di un vicino di casa. Una storiaccia emblematica anche perché documenta per l’ennesima volta la barbarie delle condizioni delle carceri in Italia, sia per i detenuti sia per chi ci lavora. “Noi poliziotti penitenziari – diceva non a caso nell’articolo un sindacalista del Sappe – siamo attenti alle difficoltà di tutti i detenuti, indipendentemente dalle condizioni sociali o dalla gravità del reato commesso”. Il problema è però evidentemente come si declinano questa “attenzione e sensibilità”.

Perché i commenti a corredo del post che sono apparsi sulla pagina Facebook dell’Alsippe, uno dei sindacati della Polizia penitenziaria, sono stupefacenti: “Meno uno”. “A me dispiace per i colleghi che si suicidano per soggetti come questo. Per lui no!”, e ancora “chi se ne frega?”, “uno de meno che lo stato non ha da magna…” e a chi faceva notare che i commenti erano fuori luogo la risposta era chiara: “Lavora all’interno di un istituto. Sono solo extracomunitari. Per fare questo mestiere devi avere il core nero”. E la cosa incredibile è che la maggior parte di queste persone arrivavano non soltanto da agenti ma anche da chi ha responsabilità sindacali. Insomma, rappresentanti della categoria.

Questa storia probabilmente però non finirà qui. Perché grazie all’intelligenza e alla sensibilità di qualcuno che lo ha denunciato sui social, è finita all’attenzione del Dap, il Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria, che ha immediatamente avviato un’inchiesta interna. “E’ un’offesa – spiegano al Dap – al lavoro di tutti gli agenti impegnati a salvaguardare le persone che hanno in custodia”. Profonda irritazione è stata espressa anche da altre sigle sindacali.

Tre senatori del Pd (Roberto Cociancich, Laura Cantini ed Andrea Marcucci) e Sel hanno preannunciato un’interrogazione al Guardasigilli sul caso. Per Daniele Farina, capogruppo Sel in Commissione Giustizia a Montecitorio, si tratta di “commenti inqualificabili che vanno stigmatizzati”, sottolineando la necessità di arrivare all’istituzione di una Commissione parlamentare di indagine sulle morti in carcere. Matteo Salvini, segretario della Lega nord, parla di “commento che a mente fredda uno non avrebbe fatto” e poi spiega: “Conoscendo quali sono le condizioni in cui lavorano gli agenti della Polizia Penitenziaria non dico che giustifico ma capisco”.

Ti potrebbero interessare anche:

Roberta Ragusa, il gip: non c'è prova dell'omicidio e i testi sono deboli
CORRUZIONE/ Arresti a Catania, c'è anche il presidente della Tributaria
Riciclaggio, indagato il cognato di Renzi. Perquisizioni e sequestri della Finanza
Roma, donne in piazza contro la violenza: "Siamo in centomila"
QUITUSCIA/ Il Bullicame resta ancora interdetto ai viterbesi
In manovra il ticket d’ingresso a Venezia: da 2,5 a 5 euro a persona



wordpress stat