| categoria: sanità Lazio

Niente stipendi, presidio di protesta dei lavoratori del gruppo Idi. L’azienda: provvederemo

Le organizzazioni sindacali Cisl, Cgil e Uil hanno organizzato per lunedì dalle ore 12 alle ore 14 un presidio di protesta in Piazza Irnerio a Roma «per far conoscere alla popolazione che le nobili strutture Idi e San Carlo, dopo anni di lotte e sacrifici da parte di tutti lavoratori – sottolineano i sindacati – ancora oggi vertono in criticità economiche e che con l’alto senso di responsabilità gli stessi lavoratori percepiscono in netto ritardo le retribuzioni pur facendo funzionare a pieno regime le strutture che erogano servizi sanitari di eccellenza».

«Giovedì 26 febbraio verranno pagati gli stipendi di gennaio a tutti dipendenti del gruppo Idi Sanità». Ad annunciarlo, in una nota, è il Direttore Centrale delle Risorse Umane del gruppo Dott. Sergio Felici «Grazie all’impegno del Collegio Commissariale e del Management – spiega Felici- ma anche alla collaborazione della Regione Lazio e della Asl Roma E è stato possibile – seppur con alcuni giorni di ritardo – confermare la data entro la quale saranno regolarmente pagati gli stipendi di Gennaio 2015. È opportuno ricordare che da quando è iniziata la gestione in AS (Amministrazione Straordinaria) sono stati sempre garantiti prioritariamente gli stipendi di tutto il Personale che dipende dalla Picfic, unitamente a un complesso e articolato Piano di rilancio di tutte le strutture che ha richiesto ingenti investimenti». «Ci auguriamo che questo sforzo e gli evidenti risultati conseguiti» – conclude Felici- «possano essere compresi dai nostri dipendenti che in questi due anni molto difficili, non ci hanno fatto mai mancare il loro contributo professionale e che rappresentano la base della ripartenza per il futuro ormai prossimo che si sta concretamente delineando

Ti potrebbero interessare anche:

Fiamme in sala operatoria, ustionata paziente a Rieti
AssoTutela/Forlanini: il cancello sulla Portuense va riaperto subito
L'ospedale di Bracciano è in caduta libera, la Regione intervenga
ASL ROMA6/ Al consultorio di Ciampino visite e consulenze gratuite e senza appuntamento
L'INTERVISTA/ Quintavalle e la Cooperazione: "La telemedicina in Africa può salvare tante vite ...
Ospedale dei Castelli, in arrivo 52 posti letto in più



wordpress stat