| categoria: agricoltura

Agricoltura: Istat, in calo dell’1,3% semine in campi

Con riferimento all’annata agraria 2014-2015, le intenzioni di semina dichiarate dai coltivatori fanno registrare una diminuzione della superficie a seminativi (-1,3%). E’ quanto rileva l’Istat, aggiungendo che si registrano decrementi delle superfici destinate a frumento tenero (-7,6%), mais da granella (-8%) e sorgo (-8,5%), mentre risultano in aumento le superfici a frumento duro (+2,9%), riso (+0,7%) e cereali minori, quali orzo (+3,6%), avena (+0,3%) e altri cereali (+10,5%). Per quanto riguarda le piante industriali, si rilevano cali delle superfici investite a tabacco (-26,2%), colza e ravizzone (-6,5%), girasole (-0,7%) e le “altre piante industriali” (-30,2%); fa eccezione la soia, con un aumento del 13,5%. Le prospettive per le ortive indicano una contrazione generalizzata delle superfici investite a pomodoro (-1,9%), legumi freschi (-0,3%) e “altre ortive” (-9,9%).

Per le leguminose da granella, si prevede un aumento delle superfici investite a fagioli e fave (+12,7%), a piselli (+5,3%) e ad “altri legumi secchi” (+4,4%).

Per le foraggere temporanee, a fronte di una riduzione delle superfici investite per il mais da foraggio (-20,1%), le intenzioni dichiarate indicano un aumento di quelle destinate alle “altre foraggere temporanee” (+3,6%).

Risultano in calo anche le superfici investite nella coltivazione della patata (-3,6%) e della barbabietola da zucchero (-3,9%). E’ invece previsto un aumento dell’1% delle superfici investite a colture floreali.

Contenuto l’aumento delle superfici dichiarate a riposo (+0,2%), legato principalmente alla rotazione agronomica pluriennale (61,9% delle aziende agricole) e, in misura minore, all’incertezza sull’andamento del mercato e/o alla scarsa remunerazione dell’attività (19,2% delle aziende agricole).

Ti potrebbero interessare anche:

Florovivaismo, in crisi settore da tre miliardi di euro
Nasce "Agrinsieme" tra Cia, Confagricoltura e Alleanza Coop
Terreni agricoli o edificabili, riaperti i termini per la rivalutazione
Viterbo, San Pellegrino in Fiore: sbocciano i sapori con Slow Food
Dai campi alla tavola, i rischio dei fertilizzandi bio
Consumi: più uva da tavola italiana, al via campagna



wordpress stat